ultime notizie:

Neutrini più veloci della luce, trema teoria Einstein

Albert Einstein

Albert Einstein

Cercavano altro i ricercatori che hanno dimostrato come i neutrini siano in grado di correre più veloci della luce. Studiavano l’oscillazione di queste particelle i fisici del Cern di Ginevra che ieri hanno presentato e confermato i sorprendenti risultati del loro lavoro. «Per scrupolo – fanno sapere gli scienziati – abbiamo deciso di fare anche delle altre misure». E, a sorpresa, si sono resi conto che la velocità della luce non è più una certezza inattaccabile della fisica contemporanea. Applausi, dubbi, attese per le verifiche ieri a Ginevra. Il distacco e la flemma dei ricercatori si sono sciolti in una festa. Un caso, un gioco della scienza, ha dunque portato il gruppo internazionale Opera ad annunciare al mondo, senza equivoci, che i neutrini sono più veloci della luce di circa 60 nanosecondi. Un caso, un gioco della scienza come negli anni Venti quando Alexander Fleming, inaspettatamente, si trovò ad essere il padre della penicillina.

L’esperimento, si chiama Opera, porta la firma del Cngs (Cern Neutrino to Gran Sasso): un fascio di neutrini è stato lanciato dal Cern di Ginevra verso i laboratori dell’Infn sotto la montagna abruzzese (730 km di distanza). Un traguardo con impatti tali da portare a rivedere la fisica così come è conosciuta, come è stata fino ad oggi considerata quale base per la maggior parte degli studi. Sono stati impiegati 2,4 millisecondi per coprire il percorso, con un anticipo, appunto, di 60 miliardesimi di secondo rispetto alla velocità che era stata prevista. Ovviamente secondo i calcoli già collaudati. Una prova non è bastata per dare la certezza ai ricercatori. Solo la ripetitività dei risultati, infatti, porta gli scienziati a chiudere i lavori e a comunicarli.

Antonio Ereditato, un napoletano di 56 anni coordinatore del gruppone di ricercatori, prima di arrivare all’annuncio ha misurato e rimisurato il tempo impiegato. Utilizzando Gps e orologi atomici. Un lavoro che porta con sé anche le tracce della storia. Una dolorosa storia: il terremoto in Abruzzo dell’aprile del 2009. C’è una linea spezzata, traccia del sisma, in uno dei grafici che Dario Autiero ha presentato per illustrare il lavoro. Un lavoro che potrebbe cambiare il modo di vedere l’universo, dicono a caldo gli scopritori. Che potrebbe far entrare in un territorio sconosciuto della fisica. Forse nuove dimensioni. Forse un sorpasso delle teorie, quelle della relatività del 1905, di Einstein. Come aveva fatto lui superando le tesi di Newton.

Ci vorrà, comunque, un anno ancora per avere conferme o smentite. Sono già pronti negli Stati Uniti e in Giappone i test da ripetere. Il gruppo ha fatto un atto coraggioso: ha pubblicato i dati e li ha sottoposti in totale trasparenza all’esame della comunità scientifica. Mentre Einstein, lo assicurano i suoi eredi, resta ben saldo sul suo piedistallo. Carla Massi © Il Messaggero

Lascia un commento alla notizia


albert einstein, einstein

the fappening is a new blog-style release of the latest Fappening content. LEaked Celebrity photos kate upton nude kate upton nudeviagra vs cialis