ultime notizie:

Tre bambini su dieci nascono con il parto cesareo

Parto cesareo

Parto cesareo

Meno di tre bimbi milanesi su dieci (il 28%) nascono con il parto cesareo. Il dato, emerso dall’indagine effettuata dall’Osservatorio nazionale sulla salute della donna (Onda), è decisamente inferiore rispetto alla media nazionale, attestata al 39%. Tra le otto strutture cittadine attrezzate è la Mangiagalli quella con il maggior numero di casi, il 41,62%, seguita dal Sacco (33%) e dal San Raffaele (32%) e S. Carlo (29%). L’assessore alle Politiche sociale Pierfrancesco Majorino ha annunciato sostegno e appoggio per gli ospedali milanesi impegnati in una campagna di informazione rivolta alle future mamme sui potenziali benefici e danni del taglio cesareo, «in modo tale che non se ne abusi». Se i 2800 cesarei sui 6500 parti totali effettuati nel 2008 nella Mangiagalli possono essere spiegati dal fatto che qui si concentrano il 7% dei parti dell’intera Lombardia, la media cittadina resta comunque ben al di sopra di quelle indicate dall’Organizzazione Mondiale della Sanità e dal Ministero della Salute, rispettivamente fissate al 15 e al 20%. Tuttavia, secondo Massimo Candiani, primario di ginecologia del San Raffaele, si tratta di «soglie da rivedere e da aggiornare ma comunque indicative». A livello regionale, nell’arco temporale 2001-2009, le donne che hanno scelto di partorire con un cesareo sono passate dal 21,3% al 28,1%, spinte, secondo Onda, soprattutto dalla paura del dolore e attirate dall’idea di poter programmare il parto. Cosa fare per rientrare entro le soglie indicate dall’Oms? «Garantire l’epidurale a tutte le donne – ha osservato Mario Merialdi, direttore area ricerca del dipartimento di salute riproduttiva dell’Oms – potrebbe limitare i cesarei non giustificati da ragioni mediche».

Lascia un commento alla notizia


the fappening is a new blog-style release of the latest Fappening content. LEaked Celebrity photos kate upton nude kate upton nudeviagra vs cialis