ultime notizie:

Riforma delle professioni, a rischio diritto di difesa

Antitrust

Antitrust

«Un attacco al diritto di difesa. Per lo statuto dell’avvocatura, soggetto imprescindibile della giurisdizione, serve una legge dello Stato». Con queste parole il Consiglio nazionale forense (Cnf) ha bocciato inesorabilmente la riforma delle professioni varata dal governo che, affermano, avrebbe dovuto escluderli come è stato fatto con i medici. Il fronte degli avvocati è dunque sul piede di guerra e ha messo in cantiere misure di protesta (come lo sciopero dei penalisti indetto dal 17 al 21 settembre) e spinge, con il sostegno del Pdl, per il varo della riforma dell’avvocatura alla Camera. Cosa non approvano gli avvocati? Quasi tutto del nuovo regolamento sulle professioni. Contestano l’abolizione delle tariffe minime (e massime) decisa dal decreto liberalizzazioni. I penalisti contestano la previsione di tagliare del 50% i compensi di chi presta patrocinio a spese dello Stato, prevista inizialmente solo per i civilisti. Ma è un po’ tutta la filosofia delle liberalizzazioni che è criticata, inclusa la nascita delle società tra professionisti (Stp) il cui regolamento è atteso per l’autunno. È arrivata invece una segnalazione dell’Antitrust che giudica il testo contrario alla concorrenza: sia sulla nuova figura di avvocato «specialista» che sul il ripristino del tirocinio di 24 mesi. © B.C.

Lascia un commento alla notizia


the fappening is a new blog-style release of the latest Fappening content. LEaked Celebrity photos kate upton nude kate upton nudeviagra vs cialis