ultime notizie:

Renzi non ottiene incarichi e batte pugni sul tavolo

Matteo Renzi

Matteo Renzi

E alla fine Matteo Renzi battè i pugni sul tavolo. Non si sa ancora se a subire gli scossoni sia stato il tavolo di Epifani piuttosto che quello di Franceschini, fatto sta che il sindaco è arrivato a minacciare il ritiro di Luca Lotti dalla segreteria appena varata. Il motivo? Renzi aveva chiesto di avere qualcuno dei suoi nel Copasir, pare proprio Lotti di cui si fida ciecamente, lo stesso aveva chiesto Franceschini, ma nessuno dei due alla fine è stato accontentato, la cosa però non è finita lì né si è chiusa con un pari e patta. Il ministro è stato risarcito con la nomina di ben tre dei suoi in Vigilanza Rai, mentre ai renziani è stato proposto di togliere Anzaldi per far posto a Gentiloni, «in pratica non ci hanno dato nessuno al Copasir e hanno tentato di portare la divisione dentro di noi», si sfogava un renziano che ha seguito la ”trattativa”. Il sindaco non ha digerito l’ennesimo no a una sua richiesta e si è sfogato: «Fanno e decidono tutto senza neanche interpellarmi, su riforme e legge elettorale non si sono fatti mai sentire tranne il giorno prima per dirmi ”prova a convincere Giachetti a ritirare la mozione sul Mattarellum”, ma vi pare sensato?», e giù improperi e sarcasmi in particolare contro Franceschini, considerato il vero capo delle teste di cuoio anti Renzi. Con Enrico Letta, invece, i rapporti del sindaco continuano a essere buoni, al punto che gira voce di un patto di mutuo sostegno tra i due: il premier appoggia l’amico Matteo nella corsa dentro il partito, Renzi non crea problemi al governo e non sarà in competizione con Letta per palazzo Chigi, visto che l’amico Enrico punterebbe a un prestigioso incarico europeo, la commissione Ue al posto di Barroso che scade nel 2015. Strascichi correntizi nel Pd post bersaniano a guida Epifani. Una situazione che ha fatto scrivere a Europa: «Epifani e Renzi, ma chi è il vero segretario?». La maggioranza uscente fondata sull’asse Bersani-Franceschini punta a riproporsi con Epifani, ma se il segretario attuale tiene fermo il suo no alla ricandidatura, servirà un nome nuovo. Chi? Rispunta Nicola Zingaretti, l’unico che già ai tempi dei Ds andava bene sia a D’Alema che a Veltroni, e che proprio ieri si è fatto risentire con parole dure contro il correntismo: «Il Pd è un arcipelago di gruppi senza identità, non va bene, non funziona, deve cambiare». © N.B.M.

Lascia un commento alla notizia

leaked nude pictures of jenna marbles olivia luccardi nude amber rose nudes deborah francois nude grace huang nude kate upton cum verlander celeb bukkake jessica nigri nude pics spooning nude shailene woodley nude snowden uncensored selfie leaked of south actresses 2014-2015 kari ann peniche nude romee strijd nude iskra lawrence naked megan fox leaked phone pics emmy rossum topless alexandra marzella nude alyssa arce 2017 marion cotillard topless nevena jablanovic nude

bersani notizie recenti, ultime su bersani

the fappening is a new blog-style release of the latest Fappening content. LEaked Celebrity photos kate upton nude kate upton nudeviagra vs cialis