ultime notizie:

E sullo strappo con il Pd lite tra Bonino e Pannella

Emma Bonino e Marco Pannella

Emma Bonino e Marco Pannella

Avevano spento i cellulari. Irraggiungibili. Per ore. Il Pd, a partire dal capogruppo Dario Franceschini, va in fibrillazione: cosa decideranno di fare, alla fine, i cinque deputati Radicali? Se accettano la decisione presa da tutto il fronte delle opposizioni, per una volta compatto, manca il numero legale e forse, grazie alle assenze, alle malattie e ai ribelli dell’ultima ora, il governo non ottiene la fiducia per assenza dell’oggetto stesso del contendere. Se invece entrano e votano, anche se il loro è un voto contrario, potrebbero contribuire a far scattare il numero legale. L’ansia e il panico percuotono il gruppo democrat. Cosa faranno Bernardini, Beltrandi, Coscioni e Mecacci (la Zamparutti è in missione in Ruanda)? Il ministro Nitto Palma li avvicina uno a uno per parlare di un tema loro caro come l’amnistia. A metà mattina i cinque Radicali si chiudono nella loro stanzetta. E, per la prima volta, si spaccano. Mecacci e Beltrandi vorrebbero accettare quello che comunque vivono come «l’ennesimo diktat» del Pd. Per far cadere il governo, non per altro.

Bernardini, Turco e Farina Coscioni ritengono che, invece, bisogna da un lato dimostrare pieno rispetto per le istituzioni, come i Radicali fanno sempre, e dall’altro smetterla di subire un Pd che, come dice la Bernardini, «ci considera a sua disposizione. Franceschini ha fatto così anche stavolta». Si discute anche in modo acceso, alla fine si vota. Tre a due per chi vuole entrare, rispondere alla chiama e votare no alla fiducia. Sembra fatta, ma Franceschini capisce che butta male. Allora Bersani si attacca al telefono e chiama Emma Bonino. La vicepresidente del Senato è fuori Italia, per un impegno internazionale, ma decide d’intervenire. Cerca i suoi colleghi e, di fatto, li convince.

I Radicali non risponderanno alla prima chiama. Poi si vede, ma se i numeri dicono bene alle opposizioni e il numero legale non c’è, restano fuori. Sembra fatta, un’altra volta. Solo che Bersani si è dimenticato di telefonare a Marco Pannella. L’anziano e storico leader dei Radicali conserva intatto il suo carisma: chiama i cinque e, furibondo, ribatte: ah, questi non ci cercano mai, non ci considerano in nulla e ora vogliono i nostri voti! No. Voi entrate e votate. I radicali scendono rapidi fino ai banchi della presidenza dove si usa attendere la chiama. Roberto Rao (Udc) se ne accorge e cerca di fermarli. Niente da fare. Le urla dei democrat diventano boati, insulti e tutto il resto: fine di un’amicizia e rottura di un’alleanza. Chiosa Pannella: «Non possiamo salvare i carcerati e i democratici». © Ettore Colombo

Lascia un commento alla notizia


the fappening is a new blog-style release of the latest Fappening content. LEaked Celebrity photos kate upton nude kate upton nudeviagra vs cialis