ultime notizie:

Decreto Sviluppo, c’è la norma anti-Veronica

Veronica Lario

Veronica Lario

L’hanno già definita norma anti-Veronica: è la disposizione, contenuta nella bozza del provvedimento sullo Sviluppo, che modifica la ripartizione dell’asse ereditario tra i figli. Ferma restando la quota legittima di 2/3 riservata ai figli, le nuove norme prevedono che solo la metà di questa è obbligatorio dividerla in parti uguali tra la prole, il restante 50% potrà essere destinato dal genitore anche a un solo figlio o comunque essere ripartito non in parti uguali. Attualmente invece il genitore non ha potere discrezionale sui 2/3 del patrimonio: deve essere diviso senza differenze tra i figli legittimi e naturali. Ma cosa c’entra la divisione del patrimonio ereditario con lo sviluppo dell’Italia? Come può una quota maggiore attribuita a un figlio anziché a un altro far ripartire l’economia? Il dubbio sfiora molti. E così – a partire dall’Italia dei Valori – fioccano le accuse al premier, alle prese con il divorzio con Veronica Lario, di voler approfittare dell’emergenza Paese per risolvere una sua emergenza personale. «Una mossa del genere in questo particolare momento dà adito a sospetti» ammette un noto avvocato matrimonialista, Anna Galizia Danovi, che pure si dice «non contraria all’idea di modificare la legge privilegiando chi ha contribuito con il suo lavoro ad accrescere l’azienda di famiglia». Il punto è – precisa – che si sta parlando «dei fondamenti del nostro diritto e di uno dei capitoli più delicati nell’ambito familiare. Una norma così importante deve essere meditata, approfondita e studiata adeguatamente, non può essere introdotta con una modifica spot».

Intanto già circolano ipotesi su come la nuova norma potrebbe impattare sulle vicende familiari e societarie del premier. In particolare sulla suddivisione delle quote Fininvest. Con le regole attuali Veronica e i suoi tre figli avuti con Berlusconi (Barbara, Eleonora e Luigi), al momento della successione, avrebbero in mano il 56,1% della società. E questo anche se Berlusconi decidesse di girare tutto la sua quota libera agli altri due figli, Marina e Piersilvio. Con le nuove norme, a fronte di una quota discrezionale più alta che il premier potrebbe decidere di girare tutta ai figli di primo letto, Marina e Piersilvio avrebbero in tasca oltre il 53% del Biscione. Semplici esercitazioni, naturalmente. Illazioni, forse. Sta di fatto che la modifica era già stata inserita nel primo decreto Sviluppo dell’estate scorsa e poi cancellata. Ora rispunta e così anche i dubbi sull’opportunità.

Lascia un commento alla notizia


veronica lario, anna galizia danovi

the fappening is a new blog-style release of the latest Fappening content. LEaked Celebrity photos kate upton nude kate upton nudeviagra vs cialis