ultime notizie:

Civati contro Renzi, addio Rottamatori

Giuseppe Civati

Giuseppe Civati

La storia si potrebbe intitolare ”C’eravamo tanto rott… amati”: protagonisti il sindaco di Firenze, Matteo Renzi, e il consigliere regionale lombardo del Pd, Giuseppe Civati, organizzatori l’anno scorso della prima convention nazionale dei ”Rottamatori”. A soli dodici mesi da quell’iniziativa, che intendeva scardinare le vecchie logiche e i vecchi potentati che bloccherebbero il Partito democratico, ad essere rottamato è il feeling tra i due. «Lo scorso anno, uno degli slogan della convention alla stazione Leopolda era ”prima il popolo, poi il leader”: ecco, mi pare che adesso Matteo si stia occupando più del leader che del popolo», attacca Civati che, alla tre giorni di quest’anno, che si terrà sempre alla Leopolda dal 28 al 30 ottobre, non sarebbe stato nemmeno invitato dal sindaco di Firenze. Il consigliere lombardo del Pd spiega che «non c’è polemica» per «questa decisione, che apprendo dai giornali: semplicemente – osserva il cofondatore della Rottamazione – Matteo ha deciso di scegliersi nuovi compagni di strada». Del resto, Civati dice di aver condiviso «poche delle cose che Renzi ha detto in quest’ultimo anno: non ho capito – spiega – la sua freddezza verso l’esito del referendum, né la sua uscita sui cosiddetti Fantozzi della pubblica amministrazione, così come – aggiunge – i suoi attacchi al sindacato e il suo stare, senza sé e senza ma, con Marchionne».

Una distanza di non poco conto. E pensare che, solo un anno fa, fu proprio Civati a chiudere l’iniziativa di Firenze, attaccando Bersani: «Non ha capito cosa vogliamo fare», disse, smentendo le voci della creazione di una nuova corrente nel Pd. «Non vogliamo posti – tuonò, invece, Renzi – ce li prenderemo». Ma adesso sembra passato un secolo: e ognuno andrà per la sua strada. L’impressione, per il consigliere lombardo, è che «Renzi si stia ricollocando da dove era partito, cioè in campo moderato».

Inoltre, aggiunge, «io, rispetto a Matteo, ho preferito continuare a concentrarmi sul progetto anziché pensare alla leadership». Malgrado il dispiacere, per una storia finita male, Civati esprime infine l’auspicio che «lo spirito della Leopolda, che è stato di vero e radicale rinnovamento, non vada perduto». Ma le intenzioni del sindaco di Firenze, stando a quanto dichiarato in un’intervista pubblicata nel numero di Panorama in edicola, sarebbero un po’ cambiate. «L’idea è quella di una rivoluzione per dare una scossa al Pd», ha affermato, annunciando che, alla stazione Leopolda, i ”Rottamatori” «stileranno un elenco di 100 cose da fare per cambiare il Paese». Non più solo il partito, quindi, ma l’Italia. E, al suo fianco, non ci sarà più Pippo. di Antonio Vastarelli

Lascia un commento alla notizia


civati contro renzi

the fappening is a new blog-style release of the latest Fappening content. LEaked Celebrity photos kate upton nude kate upton nudeviagra vs cialis