ultime notizie:

Caso Milanese, commercialista e sindaco Voghera liberi

Marco Milanese

Marco Milanese

Sarà una settimana di attesa, anche se non tranquilla, quella che si profila a partire da domani e che riguarderà le inchieste che hanno coinvolto Marco Milanese, il consigliere politico del ministro Tremonti e alcuni tra i massimi esponenti della Guardia di finanza. Da Napoli a Milano l’attività dei pm non andrà in vacanza perché sono ancora tanti gli aspetti da chiarire. E se il procuratore lombardo Edmondo Bruti Liberati esclude che, nella vicenda Mediolanum, siano previsti a breve interrogatori dei generali delle Fiamme gialle, è certo che l’attività istruttoria andrà comunque avanti. Ieri, intanto, il gip di Napoli Amelia Primavera ha deciso di rimettere in libertà dai domiciliari, Guido Marchese, commercialista pavese, e il sindaco di Voghera, Carlo Barbieri. Riguardo a Marchese, secondo il gip, le indagini avevano consentito di accertare, «al di fuori di ogni dubbio» – scriveva nell’ordinanza di custodia cautelare – che Milanese ha effettivamente assicurato la sua nomina a componente del collegio sindacale nelle società a partecipazione pubblica Ansaldo Breda spa, Oto Melara spa, Ansaldo Energia spa, Sogin spa e Sace spa, ricevendo dallo stesso la somma di centomila euro». Quanto detto dall’indagato nel suo interrogatorio, però, deve essere sembrato soddisfacente tanto che lo stesso giudice ha accolto la richiesta di scarcerazione avanzata dai legali, Marco Casali e Luca Angeleri.

«Conosco da tempo l’onorevole Marco Milanese, ma il rapporto che esiste tra noi non ha avuto alcuna conseguenza con gli incarichi che ho ricevuto all’interno delle società dove sono stato chiamato a svolgere il mio compito», ha dichiarato, dopo essere tornato in libertà, il commercialista. Marchese era stato arrestato il 7 luglio scorso. La revoca della misura dei domiciliari è stata disposta sia per lui che per il sindaco Barbieri. I due erano finiti sotto inchiesta con l’ipotesi di reato di corruzione, in relazione ad alcune nomine in importanti società e alla compravendita di immobili. «Gli incarichi che ho ricevuto – ha insistito il commercialista – sono dovuti alla mia competenza professionale. Dovrei rinunciare a queste nomine? Non vedo il perché. I miei avvocati mi hanno sempre detto di avere fiducia nell’operato della magistratura: avevano ragione e li ringrazio». Marchese ha poi sorriso quando gli è stato chiesto se non si senta l’uomo di fiducia di Tremonti. «Conosco il ministro e lo stimo molto – è la risposta – penso che grazie alla sua opera riusciremo a evitare di fare la stessa fine della Grecia. Negli anni scorsi sono stato anche tra gli organizzatori di un convegno, al quale ha partecipato. Però da qui a dire che sono il suo uomo di fiducia ce ne passa».

L’avvocato Angeleri ha voluto sottolineare che «il rapporto del suo assistito con Milanese si limita all’affare in Costa Azzurra». E Casali ha spiegato che le intercettazioni telefoniche che tirano in ballo Marchese sono state ascoltate davanti al gip, ma «la trascrizione era sbagliata. Il mio assistito aveva il tono di una persona che non ha niente da nascondere e il giudice lo ha capito». di C.Man.

Lascia un commento alla notizia


the fappening is a new blog-style release of the latest Fappening content. LEaked Celebrity photos kate upton nude kate upton nudeviagra vs cialis