ultime notizie:

Alberto Maccari rimane direttore del TG1

Alberto Maccari

Alberto Maccari

Alberto Maccari resta direttore del Tg1, ancora per un anno, ma con facoltà dell’azienda di sostituirlo senza oneri in qualsiasi momento. Alessandro Casarin diventa direttore della Tgr: un uomo vicino alla Lega a capo della redazione più numerosa d’Italia. Queste le proposte che stamattina il direttore generale della Rai Lorenza Lei presenta al consiglio di amministrazione, che le dovrebbe approvare a prezzo di una grave spaccatura: cinque voti contro quattro. La vecchia maggioranza di centrodestra contro centristi e Pd e soprattutto contro il presidente Paolo Garimberti, che ha anticipato il suo no. Non è mai successo che il direttore del principale telegiornale, pubblico, non dimentichiamolo, si trovasse in carica con una fiducia così risicata, senza quella del numero uno dell’azienda. Ma Lei, ieri in una tesa audizione in commissione di Vigilanza, ha confermato alla bicamerale di non avere intenzione di cambiare idea. Andrà avanti con la sua proposta. Anche se pare fin dal Quirinale si inviti a cercare la concordia in Rai. Anche se i giornalisti dell’azienda si appellano al premier, che ha promesso, proprio in tv di riformare la Rai il cui consiglio è vicino alla scadenza. Anche se un voto, determinante a questo punto, verrà da Antonio Verro, appena eletto parlamentare (e in Aula ha già votato) e comunque a breve costretto a una scelta tra Rai e Montecitorio.

Lei ha spiegato di aver riflettuto «fino alla fine» per la direzione del Tg1 sulle due uniche opzioni percorribili: «Quella di una candidatura esterna di un profilo autorevole o quella di confermare la fiducia a Maccari che vanta una lunga esperienza anche all’interno del Tg1». Senza per questo trascurare di valutare anche altre ipotesi di candidature che però, ha aggiunto, «non hanno trovato una ampia condivisione». Si tratta di scelte fatte in «coscienza, correttezza», ha aggiunto e porterei mia madre a testimoniarlo». Sulle due scelte ho deciso in piena autonomia». Ma l’accorato appello è subito smentito da chi racconta una versione diversa dei fatti. I consiglieri di area Pd Nino Rizzo Nervo e Giorgio Van Straten dichiarano che «nessuna candidatura esterna e autorevole, come chiesto in primis dal presidente è mai stata portata al vaglio del consiglio».

E il presidente della Vigilanza Sergio Zavoli, nella sua introduzione ai lavori aveva detto senza mezzi termini: «Non è mai accaduto che il direttore del Tg1 venga nominato da una parte soltanto del consiglio e forse come scambio per altri incarichi. Ho difficoltà a pensare che tra i suoi circa 1.500 giornalisti la Rai non ne abbia uno in grado di dirigere una testata importante con il consenso unanime del Cda». Chiaro il riferimento, con la parola «scambi», alla scelta del leghista Casarin. Lei ha replicato: «Si tratta di un dirigente aziendale che da tempo svolge il ruolo di condirettore alla Tgr, ed è apprezzato da me e dall’azienda. La sua nomina rappresenta una continuità di una direzione che si è distinta per risultati e apprezzamenti». © Alberto Guarnieri

Lascia un commento alla notizia


the fappening is a new blog-style release of the latest Fappening content. LEaked Celebrity photos kate upton nude kate upton nudeviagra vs cialis