ultime notizie:

Raid israeliano su Gaza, razzo colpisce Tel Aviv

Lancio di razzi verso Israele

Lancio di razzi verso Israele

La decisione era stata presa l’11 novembre, ieri Israele è passato ai fatti. In un raid aereo su Gaza City, le Israel Defense Forces hanno decapitato Hamas, uccidendo Ahmed Al-Jaabari, suo comandante militare. Il leader è saltato in aria con la sua auto, colpito da un drone, mentre percorreva una strada di Gaza City. Hamas ha giurato vendetta: «Avete aperto le porte dell’inferno». La notizia ha fermato Israele. I programmi radio sono stati interrotti e lo stato di allerta è stato subito innalzato, in vista della prevedibile reazione di Hamas. «In risposta all’incessante lancio di razzi dalla Striscia di Gaza – si legge sul sito dell’Idf – abbiamo lanciato una vasta campagna contro obiettivi terroristici a Gaza. L’operazione, chiamata “Pilastro della Difesa”, ha due scopi: proteggere i civili israeliani e smantellare del infrastrutture del terrorismo a Gaza». Il raid è stata massiccio e ha colpito diversi siti, alcuni dei quali civili, dove Hamas custodiva razzi con gittata superiore ai 40 km. Oltre a Al-Jaabari, è stato ucciso un altro responsabile militare di Hamas, Raed Attar e il bilancio sarebbe di «9 morti, tra cui un bambino, secondo il racconto di un’attivista italiana. Al-Jaabari è il più alto in grado, tra gli esponenti di Hamas, ad essere ucciso da Israele dai tempi dell’operazione Piombo Fuso contro la Striscia di Gaza che in 22 giorni, tra dicembre 2008 e gennaio 2009, fece 1.400 morti. Era temuto Al Jaabari, e ammirato dal popolo soprattutto per il modo con cui aveva gestito il lungo rapimento del soldato Ghilad Shalit, coronato nel 2011 dal baratto con mille detenuti palestinesi. Nella Striscia l’attacco ha scatenato violente proteste. In centinaia si sono accorsi all’ospedale Shifa, dove è stato trasportato il corpo, intonando slogan contro Israele e sparando colpi di fucile in aria.

Venti di guerra cominciano a spirare. Hamas ha lanciato razzi verso Beer Sheva, nel Neghev. E questa mattina da Gaza i miliziani hanno sparato razzi contro le principali città del Sud di Israele: Beer Sheva, Ashdod, Ashqelon sulle quali da ieri sono stati lanciati oltre 250 ordigni. A Kiryat Malachi è stato centrato un palazzo e sono morte 3 persone, mentre altre sarebbero rimaste intrappolate. Le Brigate Ezzedin al-Qassam hanno reso noto di aver sparato un razzo verso Tel Aviv, è la prima volta che viene colpita la città israelina dal 1991. Il razzo lanciato è di tipo Fajar 5, in dotazione alle forze armate iraniane e ha una gittata stimata tra i 75 e gli 80 km. Il ministro della Difesa dello Stato ebraico Ehud Barak ad Al Arabiya ha ammonito la Palestina: “pagheranno il prezzo per il lancio dei razzi contro Israele”.

L’Egitto ha chiesto di evitare «un’escalation di violenze», ha detto il ministro degli esteri, Amr. Ma Israele non si fermerà: «L’esercito è pronto a estendere l’operazione», ha detto il premier Netanyahu, che in serata ha avuto un colloquio telefonico con il presidente statunitense Obama. E Il consiglio di Sicurezza dell’Onu si è riunito: non è stata presa nessuna decisione ufficiale, ma è stato lanciato un appello a entrambe le parti perché pongano fine agli scontri. Ma l’escalation di violenza ha messo in allerta l’Egitto che ha inviato rinforzi verso la frontiera con Israele. Sono arrivati nuovi militari dal quartier generale della II armata dell’esercito, ad Ismailiya.

Mentre l’Occidente si schiera con Israele puntando il dito contro Hamas per il lancio di razzi solo Morsi parla di attacca inaccettabile e fa sapere che l’Egitto si schiera “accanto al popolo palestinese per mettere fine all’aggressione israeliana su Gaza. L’aggressione israeliana nella Striscia è inaccettabile e porta solo instabilità nella regione”. Il ministro degli Esteri italiano Terzi parla di un momento di grave tensione e chiede un “urgente azione che riduca le tensioni, dia sicurezza a Israele e restituisca un minimo di tranquillità alla Striscia di Gaza”. Il presidente Usa Obama è “d’accordo sulla necessità che Hamas fermi i suoi attacchi” gli fa eco il ministro degli Esteri britannico Hague e da la colpa ad Hamas per aver aperto una nuova crisi tra Gaza e Israele.

Lascia un commento alla notizia


ultime notizie da israele, palestina ultime notizie

the fappening is a new blog-style release of the latest Fappening content. LEaked Celebrity photos kate upton nude kate upton nudeviagra vs cialis