Marò in India, regolamento di conti fra pescatori

Massimiliano Latorre e Salvatore Girone

Massimiliano Latorre e Salvatore Girone

Mettendo tassello a fianco a tassello emerge che con ogni probabilità l’imbarcazione avvistata dai fucilieri (Massimiliano Latorre e Salvatore Girone) non era il St. Antony e che i due pescatori sarebbero morti altrove e per mano di altri. I militari italiani hanno riferito di aver notato un’imbarcazione da pesca con 5 o 6 persone a bordo che, a una distanza di alcune centinaia di metri, sembravano armate. E proprio lo scorso 23 febbraio la Guardia Costiera indiana ha diramato un avviso ai naviganti per mettere in guardia i mercantili in transito al largo del Kerala per la presenza di imbarcazioni da pesca simili a quelle abitualmente impiegate dai pirati. Avviso che è stato ricevuto anche dal mercantile italiano Motonave Scorpius. L’Enrica Lexie avrebbe quindi incrociato una di queste imbarcazioni che si è poi allontanata dopo i warning shots sparati dai marinai italiani. I due pescatori invece potrebbero essere stati uccisi, in prossimità dello Sri Lanka, da pescatori o forze cingalesi, per aver sconfinato in acque proibite. Numerosi infatti sono gli scontri tra pescatori dei due Paesi registrati nel tempo. I due indiani pescatori sarebbero stati uccisi da colpi sparati da un’altra imbarcazione simile che poi si è allontanata velocemente senza che chi si trovava sottocoperta potesse rendersi conto di quanto successo. Gli aggressori avrebbero anche sottratto il pescato, che non è stato notato al rientro in porto della St.Antony e rubato le apparecchiature gps e radio tanto che l’allarme non è stato lanciato con questi mezzi da ma cellulare e da un’altra imbarcazione. Gli indiani quindi non potrebbero ammettere l’aggressione in acque proibite. Molti sono ancora i punti oscuri. Gli indiani prima sostenevano che fosse accaduto tra le 16.30 e le 17, poi l’orario è stato fatto retrocedere alle 16 per assonanza con quello segnalato dagli italiani. E poi perché i cadaveri sono sempre stati mostrati coperti da un telo? Perché sono stati frettolosamente sepolti senza che venisse effettuata l’autopsia alla presenza degli italiani? Se, come risulta dalle testimonianze, 9 degli 11 pescatori del St. Antony dormivano perchè avevano fatto il turno di notte, l’incidente e l’ora dei decessi potrebbe essere collocabile nella mattinata del 15 febbraio se non 24-36 ore prima del rientro in porto, avvenuto alle 22.45 del 15, e non alle 16 come affermato dagli indiani. © Ebe Pierini

Lascia un commento alla notizia


maro in india ultime notizie, Ultimissime ANSA Marò India, maro in india, maro india ultime, maro india pescatori, ultimissime marò, maro notizie, maro ultime notizie ansa