ultime notizie:

Crisi di Gaza, bombe sui giornalisti, 4 morti

Il Media Center a Gaza

Il Media Center a Gaza

La pioggia di fuoco che cade incessante non accenna a placarsi. Per il sesto giorno consecutivo l’Israel Air Force ha bombardato Gaza, lasciando dietro di sé l’ennesima scia di morte. Con le vittime di ieri, è salito a oltre 100 il numero dei palestinesi uccisi. «Diciotto sono bambini – aggiungono fonti dell’Unicef – 252 i minori rimasti feriti». Per la seconda volta in due giorni Israele ha aperto il fuoco sui giornalisti. A distanza di poche ore, l’aviazione è tornata a bombardare il grattacielo Shoruq, edificio nel centro di Gaza City che ospita diverse redazioni giornalistiche. Nella torre, ha spiegato un portavoce militare a Tel Aviv, si trovavano 4 esponenti della Jihad islamica. «Abbiamo preso di mira il 2° piano, dove si nascondevano i terroristi. Il resto dell’edificio è intatto», recita un tweet dell’Idf delle 16.52. La diplomazia segue le sue strade. Al Cairo, dove ieri è arrivato il segretario generale dell’Onu Ban Ki Moon, il negoziato continua. Barack Obama, ha chiamato il premier israeliano Netanyahu e il presidente egiziano Morsi, cui ha chiesto di mediare con Hamas perché quest’ultima fermi il lancio di razzi. Anche l’Ue ha fatto sentire la propria voce, chiedendo il cessate il fuoco immediato, sottolineando il ruolo dell’Egitto, sostenendo «gli sforzi del Paese e quelli altri attori che cercano di mediare un rapido cessate il fuoco».
In serata il gabinetto di Netanyahu si è riunito per esaminare la proposta di tregua egiziana. Secondo la radio pubblica di Israele che ha dato la notizia, Gerusalemme sarebbe intenzionata a chiedere un cessate il fuoco dalle 24 alle 48 ore per permettere a entrambe le parti di elaborare i termini di un accordo per una tregua. Nell’eventualità di un cessate il fuoco, Israele potrebbe pensare ad un alleggerimento del suo blocco sulla Striscia. Sei le condizioni poste da Gerusalemme, tra cui una tregua per un periodo di oltre 15 anni, lo stop del lancio di razzi da parte di tutte le fazioni armate palestinesi e il diritto di Israele di «dare la caccia ai terroristi» in caso di attacco o se «ottiene informazioni» che l’attacco sia imminente. Due le condizioni dei palestinesi: la fine dell’embargo a Gaza e lo stop delle uccisioni mirate. Ma secondo il sito Ynet, in mancanza entro 48-72 ore di un accordo, Israele sarebbe pronta a lanciare l’offensiva terrestre. La guerra continua anche sul web. Mentre l’Idf aggiorna i suoi follower su Twitter, le brigate Ezzedin al-Qassam giurano vendetta su YouTube: «Abbiamo nostalgia dei martiri», minacciano: ritorneranno «gli attacchi suicidi». © M.Pasciuti

Lascia un commento alla notizia

danielle fishel fappening christina hendricks nude maria hering nude roxi keogh emma de caunes hot kat dennings boobs nude beach photos alexandra daddario swimsuit olga kobzar nue jenna marbles the fappening kitty pryde nudes frappening leaked celeb ijustine nude chrissy teigen pussy selena gomez pussy slip abigail spencer fappening gaite jansen hot svetlana ustinova nude dakota fanning nude olivia thirlby nude

the fappening is a new blog-style release of the latest Fappening content. LEaked Celebrity photos kate upton nude kate upton nudeviagra vs cialis