ultime notizie:

Corea del Nord, l’armistizio del 1953 è nullo

38º parallelo

38º parallelo

Venti di guerra spirano sempre più forti a cavallo del 38° parallelo. La Corea del Nord ha dichiarato l’armistizio del 1953 «completamente nullo da oggi» verso la Corea del Sud e le altre parti coinvolte, dopo l’avvio delle esercitazioni militari congiunte tra Washington e Seul. E ha tagliato la “linea rossa”, il collegamento telefonico d’emergenza che attraversa il villaggio di Panmunjom, istituita nel 1971 per gestire gli sviluppi improvvisi lungo il 38° parallelo. «Gli Usa non rimarranno a guardare»: è il monito lanciato dal consigliere alla sicurezza della Casa Bianca, Thomas Donilon. «La Corea del Nord deve rispettare i termini dell’armistizio»: lo ha detto Martin Nesirky, portavoce del segretario generale dell’Onu, Ban Ki-moon. Pyongyang ha cestinato anche l’accordo del 1991 che prevedeva soluzioni pacifiche per le eventuali controversie.

Ce n’è abbastanza per far temere il peggio, se si considera che la Corea del Nord è dotata di armi nucleari e che proprio ieri il quotidiano del Partito dei lavoratori del Nord, ha scritto «è tempo per la battaglia finale».Tutto questo sull’onda di due eventi che hanno messo in allarme rosso il regime di Kim Jong Un: le recenti nuove severe sanzioni dell’Onu a seguito dell’ultimo test nucleare condotto da Pyongyang e le esercitazioni militari congiunte fra Seul e Washington, “Key Resolve”, iniziate ieri e che dureranno dieci giorni. In queste manovre sono coinvolti 10 mila soldati sudcoreani e 3500 statunitensi, oltre ad aerei da combattimento e flotte navali. La Corea del Nord le ha bollate come «provocazione» minacciando di «stracciare» l’armistizio siglato nel 1953 (cosa che ha fatto) e di assestare un «attacco preventivo di armi atomiche» (cosa che non ha fortunatamente ancora fatto).

Mentre Cina e Russia, dirette interessate in caso di conflitto, che in ogni caso all’Onu si sono allineate con gli Usa per le sanzioni, non hanno per ora reagito alle minacce dei nordcoreani, da Washington il consigliere alla sicurezza della Casa Bianca, Thomas Donilon, ha dichiarato che «gli Stati Uniti non resteranno a guardare». Ha inoltre ribadito come «la comunità internazionale abbia detto chiaramente che ci saranno conseguenze per la Corea del Nord in presenza di nuove flagranti violazioni degli obblighi internazionali». Tutto queste mentre all’Onu è stata chiesta l’apertura di un’inchiesta per «possibili crimini contro l’umanità» di Pyongyang a causa delle gravi e sistematiche violazioni dei diritti umani nel Paese».

Lascia un commento alla notizia


ultime corea del nord, ultimissime corea del nord, ultime news corea del nord, ultime notizie nord corea, cina notizie recenti, corea del nord ultime news, ultimissime notizie corea del nord

the fappening is a new blog-style release of the latest Fappening content. LEaked Celebrity photos kate upton nude kate upton nudeviagra vs cialis