ultime notizie:

Attentato in Norvegia, Breivik: ho agito da solo

Anders Behring Breivik

Anders Behring Breivik

Voleva essere ricordato come il «più grande mostro dalla Seconda guerra mondiale in poi». Così ha deciso di compiere «da solo» un «atto atroce, ma necessario». Anders Behring Breivik, prima di prepararsi per la sua «missione», come egli stesso definisce la carneficina messa in atto venerdì sull’isolotto di Utoya, a Oslo, aveva lanciato sul web un memoriale scritto a partire dal 2002 e un video su YouTube: 1.500 pagine a metà strada tra un diario, un piano di battaglia e un manuale, con consigli per altri «nazionalisti» che avessero voluto combattere contro i «marxisti» e la minaccia islamica che graverebbe sull’Europa. Si definisce «un eroe», Breivik, «un salvatore della Cristianità europea». Nel volume, scritto tra a partire dal 2002 e intitolato 2083 – Dichiarazione europea di indipendenza, il fondamentalista ultracattolico prefigura una guerra civile in tre fasi che dovrebbe concludersi nel 2083, 200° anniversario della morte di Karl Marx. Il documento contiene anche minacce a Benedetto XVI, «Papa codardo, incompetente, corrotto e illegittimo», e contro partiti italiani, in particolare Pdl, Pd, Idv e Udc, responsabili di boicottare la lotta contro l’Islam. «Se sopravviverò – scriveva – dovrò subire un processo multiculturalista. Sarà un incubo». Anche se ieri tramite il suo avvocato faceva sapere di volere un processo pubblico per «dare spiegazioni». La polizia norvegese sta ricostruendo la dinamica della strage, in cui hanno perso la vita 93 ragazzi. Un poliziotto, forse la guardia in servizio sull’isolotto, è tra le vittime del massacro, ha riferito in serata la televisione TV2.

Uno sfigato, poi la metamorfosi in mostro. Anders Behering Breivik, da adolescente, «era un tipo timido e introverso, un nerd come si dice tra noi studenti». A raccontarlo è un compagno di scuola dell’autore della strage di Oslo. Poi, a 19 anni, dopo un viaggio negli Stati Uniti dove viveva la sorella, Anders cambia. Si sottopone a una plastica facciale, racconta l’uomo sotto falso nome: «Voleva naso e fronte più virili», spiega il ragazzo.

«Nessuno lo aveva mai visto con una fidanzata, ma lui si vantava di mille avventure», prosegue quello che per nove anni è stato suo compagno di classe in un «liceo della buona borghesia di Oslo», che annoverava «tra gli studenti anche il principe ereditario». L’ultimo incontro, casuale, con il fondamentalista di destra risale a due anni fa: «Sono un uomo ricco – gli disse Breivik – ho avuto successo, per qualunque cosa rivolgiti a me».

Lascia un commento alla notizia


ANDERS BEHRING BREIVIK

the fappening is a new blog-style release of the latest Fappening content. LEaked Celebrity photos kate upton nude kate upton nudeviagra vs cialis