ultime notizie:

UniCredit, possibile un presidente italiano

UniCredit

UniCredit

Fondazioni al lavoro per definire in tempi brevi il profilo del futuro presidente di Unicredit. L’obiettivo, col susseguirsi degli incontri informali e, stamane, con un summit tra Crt, Cariverona e Carimonte, è di fare «in fretta ma, soprattutto, l’importante è fare bene», ha spiegato il vicepresidente di Fondazione Crt, Giovanni Quaglia. Nel pomeriggioalle 16 si terrà un nuovo comitato governance che tornerà a esaminare profilo e numero dei consiglieri del prossimo board quasi certamente 19: il cantiere per il dopo Rampl è, quindi, ampiamente aperto. Al vertice dei tre enti dovrebbero prendere parte Quaglia, il vice di Cariverona Giovanni Sala e Andrea Landi. E potrebbe intervenire anche Federico Ghizzoni di ritorno da Basilea dove ieri ha presenziato a un incontro tra banchieri a porte chiuse. «Si sta »cercando di definire una rosa» di nomi, ha precisato Quaglia parlando a margine dell’inaugurazione dell’anno accademico dello Iulm di cui è rettore Giovanni Puglisi, presidente della fondazione Bds. Fino ad ora tra i papabili sono stati indicati l’economista Gian Maria Gros Pietro e l’ex presidente di Borsa Italiana e vicepresidente di Lse, Angelo Tantazzi. Ma appare evidente che il numero dei candidati sia destinato a crescere tanto più che, tra gli enti azionisti, non sembra sia stata ancora raggiunta una sintesi. Si vorrebbe arrivare a una «governance di qualità e di lunga durata», ha rilevato Puglisi. Una operazione che bisogna fare «con intelligenza, cautela e grande spirito di equilibrio», ha aggiunto. La strada da percorrere è, comunque, chiara. «Si sta cercando di trovare il personaggio migliore per questa grande banca, l’importante è che abbia anche una dimensione internazionale, e si sta delineando quello che deve essere il livello altissimo di tutti i componenti del cda», ha spiegato ancora Quaglia, sottolineando che «il clima è molto sereno e disteso», e che c’è assoluta fiducia nell’amministratore delegato. Quanto alla possibilità che il futuro presidente della banca sia un italiano, il vice presidente di Crt ha affermato: «perchè escluderlo, un pò di nazionalismo fa bene» Peraltro Quaglia ha evidenziato che, pur essendo Unicredit «una grande banca internazionale», questo «non vuol dire che la componente italiana debba essere meno rappresentata». In tal senso ha ricordato come, in occasione dell’aumento di capitale, oltre a fondi americani («tornati ad investire in Italia»), le fondazioni «e l’imprenditoria italiana, che hanno creduto e credono» in Piazza Cordusio, hanno sottoscritto «in modo massiccio».

Lascia un commento alla notizia


ultime notizie unicredit

the fappening is a new blog-style release of the latest Fappening content. LEaked Celebrity photos kate upton nude kate upton nudeviagra vs cialis