ultime notizie:

Produttività, accordo fondamentale per il Paese

Elsa Fornero

Elsa Fornero

La speranza è condivisa. La fiducia che l’accordo sulla produttività tra imprese e sindacati possa essere raggiunto, e anche in tempi brevi, è generalizzata. Già domani riprenderanno le trattative interrotte giovedì scorso, una volta preso atto che la possibilità di consegnare il patto al premier prima della partenza per il vertice di Bruxelles era sfumata. Paradossalmente adesso, senza la ghigliottina della data, le cose potrebbero essere più semplici. Anche se i nodi da sciogliere non sono pochi. Ieri intanto il governo è tornato a fare pressing sulle parti sociali. Il ministro del Welfare, Elsa Fornero, ha ribadito che il patto sulla produttività è un «elemento fondamentale per la salvezza» del Paese. E per questo motivo ha sollecitato le parti sociali a fare «un buon accordo e non un accordo scritto sull’acqua». Parlando a margine dell’evento di studi e riflessioni, organizzato dall’associazione ItaliaCamp (giovani tra i 20 e i 35 anni provenienti da oltre 60 atenei nazionali e internazionali) presso la Pontificia Università Lateranense, il ministro Fornero comunque si è detta «fiduciosa» che l’intesa possa arrivare. Da Cernobbio, sul lago di Como, in occasione del forum Coldiretti, ci ha pensato il ministro dello Sviluppo, Corrado Passera, a ricordare nuovamente che il governo chiede un accordo non di basso profilo: «Il governo ha messo nella finanziaria una cifra molto rilevante per favorire la produttività ma vuole destinare questa somma a fronte di un accordo rilevante che porti a riduzioni di effettive rigidità e che porti effettivamente ad un miglioramento della produttività. Il tempo che ci metteranno le parti sociali è più che altro in mano loro, noi per adesso possiamo guardare e chiarire che non vogliamo dare soldi a pioggia e non vogliamo un accordo di basso profilo».

Che l’intesa debba chiudersi «in tempi brevissimi» lo pensa anche il leader Cisl, Raffaele Bonanni. «Siamo al 98/99% del percorso, bisogna fare ancora un passo» spiega Giorgio Santini, segretario generale aggiunto dello stesso sindacato. I contatti tra imprese e sindacati, quindi, proseguono e non è escluso che la stretta arrivi nei prossimi giorni. Bisogna superare difficoltà all’interno delle imprese sulle modifiche da introdurre sul tema delle mansioni, del controllo a distanza e degli orari. Problemi sollevati soprattutto dal fronte datoriale di commercianti, artigiani, banche e assicurazioni. Confindustria, invece, aveva già raggiunto un’intesa di massima con Cgil, Cisl e Uil che prevedeva il rafforzamento del secondo livello di contrattazione con il dirottamento di una quota di aumento salariale (quota da definire, volta per volta, nei vari contratti collettivi). Anche se ieri, dal palco di piazza San Giovanni, la leader Cgil Susanna Camusso ha lanciato una nuova proposta: destinare l’intera cifra messa sul piatto dal governo (1,6 miliardi) per favorire le assunzioni a tempo indeterminato dei giovani.

Lascia un commento alla notizia


ultime notizie lago di como

the fappening is a new blog-style release of the latest Fappening content. LEaked Celebrity photos kate upton nude kate upton nudeviagra vs cialis