ultime notizie:

Obama evoca l’Armageddon, subito accordo sul debito

Barack Obama

Barack Obama

«Armageddon». Barack Obama ha evocato l’Apocalisse per definire le prospettive che il Paese rischia di dover affrontare dopo il 2 agosto, se entro quella data il Congresso non avrà autorizzato il governo ad assumere nuovo debito per finanziare le spese correnti. A dispetto di tale minaccia, in mattinata il presidente americano si è concesso una pausa di 45 minuti per accogliere nella sala delle carte geografiche della Casa Bianca il Dalai Lama, che si trova a Washington questa settimana per una serie di celebrazioni religiose, e che ha festeggiato con i suoi fedeli lo scorso mercoledì il suo 76mo compleanno. Il luogo scelto per la seduta, la stanza delle carte geografiche piuttosto che l’ufficio ovale, riflette in qualche modo l’imbarazzo della Casa Bianca di fronte alla contingenza della crisi. Il governo cinese, che non gradisce l’accoglienza tributata all’illustre esule, detiene il 70% del debito emesso dal Tesoro americano, e una sua eventuale decisione di alleggerire il suo portafoglio di titoli Usa avrebbe conseguenze disastrose per il Paese.

Obama è tornato a parlare con toni concilianti ieri nel suo discorso settimanale radiofonico, anche se continua ormai da due settimane a ripetere gli stessi concetti: la colpa della situazione attuale è delle passate amministrazioni, sia repubblicane che democratiche, e la soluzione non può che essere comune. I cittadini più poveri pagheranno un prezzo salatissimo con i tagli alla spesa sociale, quindi è giusto che anche i ricchi rinuncino alle tante esenzioni fiscali di cui godono, e che si adattino a pagare di tasca propria una parte del conto. Altrimenti si arriverà alla paralisi.

Il segretario al Tesoro Timothy Geithner si è affrettato sabato sera a specificare che anche nel caso che si arrivi al 2 di agosto senza una licenza da parte del Congresso di alzare il tetto del debito pubblico, il governo potrebbe richiedere un permesso speciale, sempre ai legislatori, per pagare in debito almeno i conti del fondo pensioni. La sua preoccupazione è la stabilità dei mercati finanziari, resa fragile dalle incertezze dei politici. Il Washington Post ha rivelato ieri che il governo americano corteggia da mesi gli agenti di due istituti di rating e che ha stabilito linee dirette di comunicazione al Tesoro e alla Casa Bianca nel tentativo di condizionare il giudizio, o almeno di ammorbidire, i possibili colpi di scure di queste agenzie.

La nuova settimana si apre con una proposta di legge bipartisan al Senato che prevede tagli di 1.500 miliardi alla spesa, in cambio della licenza per Obama di ritoccare il tetto del debito tre volte durante l’anno in corso. Per poter essere approvata in tempo, dovrà pervenire in aula entro mercoledì.

Lascia un commento alla notizia


the fappening is a new blog-style release of the latest Fappening content. LEaked Celebrity photos kate upton nude kate upton nudeviagra vs cialis