ultime notizie:

Moody’s conferma il rating A3 di Terna

Flavio Cattaneo

Flavio Cattaneo

Terna supera l’ostacolo della Robin Tax, che nel 2011 ha avuto un impatto di 140 milioni a livello di imposte sul reddito. L’utile netto è sceso infatti a 440 milioni di euro (-28,1%), mentre quello rettificato è salito dell’1,1% a 465,1 milioni. Risultato: malgrado l’effetto dell’imposta «per il settimo anno consecutivo – ha sottolineato l’a.d Flavio Cattaneo – i nostri risultati sono stati comunque positivi». Sui conti del gruppo, che ha visto salire i ricavi del 2,9% a 1,63 miliardi di euro, ha influito positivamente una «strategia preventiva sul business non tradizionale e regolamentato, l’innovazione e la tecnologia» che, a suo dire, «crescerà anche nei prossimi anni», e determinerà, a partire dal prossimo 1 aprile, uno sdoppiamento organizzativo e del dividendo di Terna: sotto la holding ci saranno Terna Rete Italia (attività tradizionali) e Terna Plus (attività non tradizionali) e la cedola sarà di 0,19 euro per le attività tradizionali, con un’aggiunta legata a quelle non tradizionali che avrà un pay-out del 60%. Invariato a 0,21 euro il dividendo sull’esercizio 2011 staccato quest’anno. Intanto il nuovo piano quinquennale di Terna prevede 4,1 miliardi di investimenti per la manutenzione e lo sviluppo della rete elettrica tra il 2012 ed il 2016 e fino a 1,9 miliardi di investimenti per le altre attività: 1 miliardo per la realizzazione di sistemi di accumulo e 900 milioni in altri progetti. Complessivamente con il piano si svilupperanno oltre 300 cantieri in tutta Italia, per un valore di 2,9 miliardi di euro. La crescita media annua prevista del margine operativo lordo è del 7,5% a fronte del +5% indicato dal precedente piano, mentre il flusso di cassa operativo subirà un «consistente incremento». Il rapporto mol/ricavi, invece, è destinato a crescere dal 78 all’80%. In crescita anche l’indebitamento netto (+1,6 miliardi di euro), destinato a raggiungere a fine piano quota 6,7 miliardi, uno in meno rispetto al piano precedente. Terna, poi, può contare già oggi su una «liquidità per 2,5 miliardi di euro» e «non ha bisogno di rifinanziarsi fino al 2015». Il 2012 secondo Cattaneo è «partito bene», mentre, per rafforzare gli investimenti, concentrati per l’82% sulla rete, il gruppo non esclude la cessione di alcune attività, «senza mettere a rischio nel lungo termine – precisa Cattaneo – la stabilità della struttura del capitale». Positiva la reazione del titolo in Borsa (+1,58% a 2,96 euro) mentre Moody’s ha confermato il rating ‘A3’ con outlook negativo.

Lascia un commento alla notizia


the fappening is a new blog-style release of the latest Fappening content. LEaked Celebrity photos kate upton nude kate upton nudeviagra vs cialis