ultime notizie:

Deficit sul filo del 3% per effetto di Imu e debiti Pa

Daniele Capezzone

Daniele Capezzone

Il rapporto deficit-Pil si manterrà entro il 3% ma il debito pubblico è destinato ad aumentare di 8 miliardi. Lo conferma la relazione al decreto Imu che affronta la sua navigazione in Parlamento. Il provvedimento è stato presentato alla Camera ma l’approdo in aula slitterà dal 23 al 30 settembre. Lo hanno chiesto i presidenti delle commissioni Finanze (Capezzone) e Bilancio (Boccia). Non solo l’esigenza di definire «un quadro chiaro» con diverse audizioni, compresa quella del Comitato esodati, di Comuni e Regioni e di tutti i soggetti interessati – ha spiegato Francesco Boccia, presidente della Bilancio – ma anche per collegare il provvedimento con gli altri documenti in grado di incidere sul bilancio. Le commissioni, prima di discutere il testo, dovranno tenere conto degli effetti sui saldi di Finanza pubblica e quindi del Documento programmatico di bilancio che dovrà essere inviato alla Ue entro metà ottobre e della nota di aggiornamento al Def che il Tesoro presenterà entro il 20 settembre. Comunque, assicura Boccia, «non ci sarà il mercato degli emendamenti». Per quanto riguarda le conseguenze del decreto sulla finanza pubblica, la relazione afferma che «il complesso delle nuove misure avrà un impatto favorevole sull’economia e lascerà inalterato l’indebitamento netto delle Amministrazioni pubbliche riflettendosi unicamente sul fabbisogno finanziario e sul debito. Resta dunque confermato l’obiettivo di conseguire un saldo d’indebitamento netto in rapporto al Pil entro la soglia del 3% per l’anno 2013». Per il 2014 è previsto un peggioramento dello 0,7% e tuttavia «si rafforzano le attese per un ritorno alla crescita nel quarto trimestre, con prospettive favorevoli per il 2014».

«Gli effetti delle misure stimati in termini di bilancio dello Stato determinano, in particolare – si legge ancora nella relazione che accompagna il decreto sull’Imu – la necessità di ridefinire prudenzialmente il saldo netto da finanziare del 2013, con un aumento di 8 miliardi di euro, in conseguenza soprattutto della previsione degli ulteriori circa 7,2 miliardi di euro da destinare ai pagamenti dei debiti degli enti territoriali». Una richiesta confermata nella nota di assestamento, in discussione in commissione Bilancio al Senato, nel corso della quale il governo ha annunciato la presentazione di un emendamento per portare da 80 a 98 miliardi il tetto massimo di emissioni di titoli pubblici sia per coprire la tranche destinata all’anticipazione dei pagamenti per il debiti Pa, sia per fare provvista e affrontare i primi mesi del 2014 con una sufficiente liquidità. Il prossimo 11 settembre, intanto, il Tesoro offrirà in asta Bot annuali per 8,5 miliardi e Bot flessibili con scadenza 23 dicembre 2013 per 3 miliardi. © B.C.

Lascia un commento alla notizia

uma thurman naked alanna ubach sex scene lala anthony naked heidi klum nude video jenny mccarthy playboy pics jessica biel orgasm angela sarafyan topless kendall jenner nude misty may treanor nude jessie j nude mila kunis getting fingered mila kunis nude arianny celeste pussy sarah macdaniel nude nude photos of kate hudson sabina kelley nude nicki minaj porn nicky grahame nude emily browning nude gigi hadid pussy

the fappening is a new blog-style release of the latest Fappening content. LEaked Celebrity photos kate upton nude kate upton nudeviagra vs cialis