ultime notizie:

Decreto semplificazioni, stop a 333 leggi

Filippo Patroni Griffi

Filippo Patroni Griffi

Bollino blu ogni due anni, residenza in tempo reale, responsabilità del dirigente pubblico, commissario anti-lungaggini. E ancora: torna la social card con un finanziamento di 50 milioni e torna la possibilità di fare il pane anche di domenica. E poi novità per i rinnovi delle patenti per gli anziani, oltre a procedure più semplici per l’apertura di pubblici esercizi, discoteche, locali da ballo che hanno già scatenato le proteste delle associazioni di categoria. E c’è molto altro ancora. È questo il menù del maxi-decreto sulle semplificazioni, una rivoluzione per la vita quotidiana che spazzerà via 333 leggi, sostanzialmente inutili, un lungo elenco che ha in vario modo afflitto l’esistenza degli italiani dal 1947 (da lì si è partiti) al 2006. Gli ultimi ritocchi sono ancora in corso ma la sostanza del testo è ormai pronta per affrontare, domani, l’esame e l’approvazione del Consiglio dei ministri. Semplificazioni e liberalizzazioni si vanno così a incrociare ma non a sovrapporre: per le prime si partirà dalla Camera, per le altre è già in dirittura la presentazione al Senato. E anche sulle liberalizzazioni arrivano nuovi dettagli. Sul fotovoltaico, per esempio, c’è stato un ingarbugliato lavoro di limatura che ha portato, nella versione definitiva, a tagliare ulteriormente gli impianti a terra su terreni agricoli. Ma vediamo una per una le principali novità.

Residenza. Il cambio sarà in tempo reale: l’iscrizione per trasferimento, dall’estero o da un altro Comune, «produce immediatamente gli effetti giuridici dell’iscrizione anagrafica». Tempi? Due giorni.

Pane no stop. Si torna alla panificazione tutti i giorni, cade l’obbligo di chiusura domenicale e festiva. Semplificata l’attività gastronomica in occasione di sagre, fiere, eventui religiosi e culturali.

Social card. Il governo vuole valutare se confermare ed estendere la social card, introdotta dal governo Berlusconi, «come strumento di contrasto della povertà assoluta. La sperimentazione della nuova carta acquisti riguarderà i Comuni con oltre 250.000 abitanti e avrà una dote massima di 50 milioni.

Bonus Sud. Prorogato di un anno il credito d’imposta per le assunzioni a tempo indeterminato al Sud. Il precedente scadeva a maggio 2012.

Appalti. Le imprese che vorranno partecipare alle gare d’appalto pubbliche dovranno presentare la documentazione una sola volta, aggiornandola in caso di variazioni. Per registrare il tutto, nascerà un’apposita Banca dati presso l’Autorità per i Lavori Pubblici.

Concorsi. Troppo lunghi e troppo costosi: circa 500 milioni l’uno ha detto Patroni Griffi. Tutti i documenti alle amministrazioni interessate andranno inviati per via telematica.

Patenti. I rinnovi per chi ha compiuto 50 anni durano 5 anni; dopo i settanta, 3 anni; dopo gli 80, due anni.

Carta identità. Scadrà al compimento del compleanno, successivo alla scadenza amministrativa del documento.

Agenda digitale. Nasce la cabina di regia, chiesta dal presidente dell’Autorità per le Comunicazioni Calabrò, che dovrà coordinare tutti gli interventi, dalla rete di nuova generazione agli altri obblighi Ue, per completare l’agenda digitale entro il 2020. Novità anche nel testo definitivo sulle liberalizzazioni.

Rendite finanziarie. Nel testo sulle liberalizzazioni sono contenute, all’articolo 95, alcune norme che unificano al 20% l’aliquota sulle rendite finanziarie già decisa dalle precedenti manovre.

Pubblica amministrazione. L’articolo 35, comma 6, per garantire la massima flessibilità organizzativa a Monopoli e Agenzie fiscali, consente di mantenere lo stesso livello di stipendio ai dirigenti che si spostano. © Barbara Corrao

Testo decreto semplificazioni (bozza incompleta)

Lascia un commento alla notizia


bollino blu decreto monti, decreto semplificazioni fotovoltaico

the fappening is a new blog-style release of the latest Fappening content. LEaked Celebrity photos kate upton nude kate upton nudeviagra vs cialis