Calcolo ISEE, premiate le famiglie numerose

Graziano Delrio

Graziano Delrio

Cambia l’Isee, l’indicatore di situazione economica equivalente utilizzato per accedere alle prestazioni sociali agevolate. È l’indicatore di reddito che permette di calcolare le tasse universitarie, il costo della mensa scolastica o la retta dell’asilo nido. Ad oggi quasi il 30% della popolazione italiana ne usufruisce, cioè quasi 17 milioni di persone. Ma presto il calcolo del reddito includerà tutte le entrate tassate con regimi sostitutivi o a titolo d’imposta e tutti i redditi esenti. Altre modifiche riguardano i costi dell’abitare e il patrimonio. Avrà più peso nel calcolo del reddito il numero dei figli e la disabilità verrà distinta in 3 classi: media, grave e non autosufficienza. Verranno inoltre rafforzati i controlli sulla veridicità dei dati che oggi vengono autodichiarati dall’interessato e anche per questo a volte non corrispondono alla situazione reale. Con la riforma invece solo una parte dei dati verrà denunciato dal cittadino, il restante verrà desunto dalle banche dati delle amministrazioni. Il nuovo metodo di calcolo dovrebbe avvantaggiare le famiglie numerose e le persone con disabilità, combattendo invece i furbetti che godono delle prestazioni agevolate pur non avendone bisogno. «L’Isee diventa uno strumento flessibile e di equità» ha affermato il ministro per gli Affari Regionali, Graziano Delrio. Dopo il sì della Conferenza unificata Stato-Regioni il provvedimento per divenire operativo dovrà passare nelle commissioni parlamentari, per arrivare, per il varo definitivo, al Consiglio dei ministri. © A. Sev.

Lascia un commento alla notizia


ultime news ise