ultime notizie:

Borsa reagisce bene, sale lo spread Btp-Bund

Standard & Poor's

Standard & Poor's

Digerito, o meglio già scontato. La Borsa ha salutato con un +1,91% il declassamento del debito sovrano italiano da parte di Standard & Poor’s. Gli operatori avevano già messo in conto un peggioramento del rating di un punto e la conferma arrivata nella notte di ieri non ha influito più di tanto sulle contrattazioni. Gli operatori, anzi, hanno reagito in positivo per il fatto che il downgrading sia stato confermato nell’entità prevista e il Ftse Mib, dopo una seduta contrastata, ha chiuso ai massimi. I colloqui in corso sulla crisi greca hanno rassicurato i mercati e in Europa tutte le piazze sono risultate positive, anche per l’aspettativa di nuovi stimoli all’economia americana da parte della Fed. In testa Francoforte (+2,88%) seguita da Zurigo (2,07%), Londra (+1,98%) e Parigi (+1,50%). Anche Wall Street viaggiava in deciso rialzo e ha poi chiuso a +0,07%. Dopo il verdetto di S&P, resta alta l’attenzione sulla situazione della finanza pubblica italiana. E forte la preoccupazione sull’andamento dello spread tra il Btp e il Bund decennale. Ieri la forbice si è ampliata, segno che al di là della giornata positiva a Piazza Affari, la fiducia degli investitori è ancora lontana: ieri la giornata si è aperta con una differenza di 378,44 punti base che sono saliti a 399,19 per poi fermarsi comunque sopra quota 390 (392,86). Sono cifre che sembravano fuori dalla realtà e con le quali invece ora lo Stato italiano deve fare i conti. Il Fmi, nel suo outlook di ieri, stima che l’Italia possa «sostenere per alcuni anni uno spread tra i 300 e i 500 punti».

A spingere gli indici ha contribuito Fiat (+6,82%), che si è messa a correre grazie alla conferma dei target a fine anno dall’a.d Sergio Marchionne a Londra. Bene anche Fiat Industrial (+2,41%) ed Exor (+2,96%). «Abbiamo abbastanza liquidità per superare la tempesta», ha assicurato Marchionne. Nella scuderia, fuori dal paniere principale, scivola invece la Juve (-4,03%), estromessa dal segmento Star di Piazza Affari dopo aver riportato perdite superiori a un terzo del capitale sociale. In generale bene i bancari, ad eccezione di Bpm che cede l’1,89% a 1,24 euro. Ubi Banca avanza del 2,8% a 2,572 euro; Mediobanca registra un rialzo del 2,34% a 5,69 euro.

Intanto, le tensioni sui titoli di Stato coinvolgono oltre all’Italia anche la Spagna. Madrid a assegnato bond a un anno e a 18 mesi per 4,46 miliardi di euro, circa tutto l’ammontare previsto di 4,5 miliardi, ma ha dovuto offrire rendimenti decisamente più alti.
Sul fronte cambi, la paura di un default della Grecia e soprattutto l’effetto domino sugli altri partner dell’eurozona ha spinto l’euro ai minimi da 10 anni contro lo Yen a 103,9, il livello più basso dal 2001. La moneta unica, invece, si è mantenuta stabile sul dollaro a 1,3680.

Lascia un commento alla notizia


the fappening is a new blog-style release of the latest Fappening content. LEaked Celebrity photos kate upton nude kate upton nudeviagra vs cialis