ultime notizie:

2,3 miliardi fondi Ue per giovani, anziani e imprese

Mario Monti

Mario Monti

Il fondo stanziato dal governo Monti per l’equità si attesta a 2,3 miliardi, cifra di tutto rispetto in tempi di emergenza finanziaria. Sono soldi che non graveranno sulle tasche degli italiani visto che si trattano di vecchi finanziamenti di provenienza comunitaria (fondi strutturali) che erano originariamente destinati a progetti che ora appaiono “obsoleti, inefficaci o con criticità di attuazione” che saranno investi su inclusione sociale (infanzia e anziani non autosufficienti), giovani, competitività e innovazione delle imprese, aree di attrazione culturale e povertà Litigano Pd e Pdl sull’efficacia del progetto che prevede il potenziamento degli asili nido con la creazione di 18mila nuovi posti nel Sud entro il 2015 e dell’assistenza domiciliare per gli anziani, la lotta alla dispersione scolastica nelle aree più a rischio dal punto di vista della legalità, l’autoimpiego e l’imprenditorialità giovanile, il sostegno alla creazione delle imprese, la garanzia dei crediti, la valorizzazione dei poli culturali (architettonici, archeologici e museali).

Anziani. Obiettivo potenziare l’assistenza domiciliare. Il progettato intervento a favore degli anziani passa per il potenziamento dell’assistenza domiciliare integrata. Le risorse ammontano a 330 milioni, l’obiettivo è arrivare al 3,5 per cento di anziani presi in carico da questo tipo di rete di sostegno. La possibilità di restare a casa anche per i soggetti più fragili viene giudicata la modalità migliore per alleviare le preoccupazioni anche economiche delle famiglie. Si attende poi un effetto positivo sull’occupazione delle donne, di solito coinvolte in queste mansioni.

Infanzia. Diciottomila nuovi posti negli asili nido per il 2015. Quattrocento milioni di investimento, con un obiettivo: creare entro il 2015 18 mila nuovi posti negli asili nido. In questo modo dovrebbe essere realizzato un passo importante verso il traguardo finale di circa 40 mila bambini presi in carico, pari al 12 per cento del totale. Con il nuovo finanziamento, in particolare, il governo punta a raggiungere nel Sud livello di servizio minimi, sia attraverso l’ampliamento e il miglioramento delle strutture esistenti, sia attraverso la realizzazione di nuovi nidi.

Giovani. Obiettivo del governo è la lotta contro l’abbandono prematuro della scuola e dare la possibilità ai giovani di studiare all’estero, trovare un impiego, fondare un’impresa.

  • Impianti sportivi e laboratori musicali. Nel quadro degli interventi per l’inclusione sociale dei giovani, 77 milioni dono destinati in modo specifico all’obiettivo di contrastare la dispersione scolastica. Si punta alla riduzione del tasso di fallimento scolastico, che attualmente è al 22,3 per cento nel Mezzogiorno contro una media nazionale del 18,8. Sono state individuate centro micro-aree ad alto rischio, nelle quali saranno realizzati piccoli impianti sportivi e laboratori musicali, anche con la finalità di promuovere la cultura della legalità.
  • Spinta all’apprendistato e ai mestieri artigiani. Intaccare la fascia sempre più ampia di giovani che non studiano ma non sono nemmeno inseriti nel mondo del lavoro, e non partecipano ad attività di formazione: è questa la finalità di una serie di azioni che comprendono la promozione del’apprendistato e dei mestieri a vocazione artigianale (anche con incentivi all’assunzione) la mobilitazione di ricercatori italiani impegnati all’estero per trasferire metodi di eccellenza nelle università del Sud, la promozione dell’autoimpiego e dell’imprenditorialità.

Imprese. Più fondi di garanzia per l’accesso al credito. Un pacchetto da 900 milioni è destinato alla competitività ed all’innovazione delle imprese, dunque sostanzialmente alla crescita nelle quattro regioni coinvolte (Sicilia, Calabria, Puglia e Campania). Gli interventi includono lo sblocco delle risorse comunitarie assegnate al fondo centrale di garanzia, per potenziare l’accesso al credito, lo stimolo alla progettazione di città e comunità intelligenti, la promozione dell’export meridionale, il sostegno alla nascita di nuove imprese innovative.

Cultura. Valorizzazione dei musei e dei siti archeologici. Anche la valorizzazione del patrimonio culturale fa parte degli interventi destinati alla crescita. Sono stati individuati poli museali, architettonici e archeologici, tra cui Sibari, Locri, e Reggio Calabria in Calabria, il museo di Capodimonte, la Certosa di S. Martino e Castel S. Elmo in Campania, il museo archeologico della Daunia di Manfredonia, il Castello Svevo e il polo museale di Taranto in Puglia, i poli di Palermo, Siracusa e Ragusa, e Trapani in Sicilia.

Lascia un commento alla notizia


the fappening is a new blog-style release of the latest Fappening content. LEaked Celebrity photos kate upton nude kate upton nudeviagra vs cialis