ultime notizie:

2 miliardi con la Robin Tax sull’energia

Giulio Tremonti

Giulio Tremonti

Arriva la Robin Tax in aiuto di ministeri ed enti locali. Il gettito previsto per il 2012 è di 1,8 miliardi e di 900 milioni nel 2013. Se funzionerà bene, ha detto il ministro dell’Economia, consentirà di ridurre di un miliardo i tagli ai ministeri e agli enti locali, riportandoli da 6 a 5 miliardi. Un miliardo a ciascuno, dunque. La Robin Tax nasce nel 2008 quando venne istituita un’addizionale Ires per le aziende del settore energetico. E’ un’idea che Tremonti aveva da tempo nella testa e che riprendeva un analogo intervento deciso in Francia. Allora il petrolio era alle stelle (140 dollari al barile nell’estate di quell’anno) così come i profitti per le major del petrolio. Si è partiti da un contributo del 5,5% per le aziende con ricavi superiori a 25 milioni che ora scendono a 10 milioni. Nel 2010 l’addizionale è stata portata al 6,5% e ora sale al 10,5% a valere sul 2011, 2012 e 2013, poi riscenderà. Inoltre si allarga la platea dei contribuenti. Nata per colpire chi ricerca e coltiva idrocarburi (Eni ma anche Edison), raffina petrolio (le compagnie petrolifere da Ip a Erg, da Esso etc.) produce o commercializza energia elettrica (Enel, Edison, E.on e via discorrendo) e prodotti petroliferi, ora si estende alle grandi società distributrici di energia (Terna e Snam) e ai grandi produttori di elettricità da fonti rinnovabili.

Lascia un commento alla notizia


the fappening is a new blog-style release of the latest Fappening content. LEaked Celebrity photos kate upton nude kate upton nudeviagra vs cialis