ultime notizie:

Per salvare Cinecittà, Montecitorio bipartisan

Cinecittà

Cinecittà

Un coro di «no» sempre più fitto fa eco alla paventata chiusura degli studios di Cinecittà e al piano di ristrutturazione presentato dall’azienda. E se l’altro giorno i lavoratori avevano protestato davanti al Colosseo inscendando una singolare nevicata estiva sotto il sole di Roma, ora arriva dal Parlamento una mozione bipartisan per puntare i riflettori sul caso. Ad illustrare il documento, a Montecitorio, il deputato del Partito Democratico Roberto Morassut assieme al deputato del Pdl Fabio Rampelli. «Cinecittà più volte è stata esposta a trasformazioni o cambi d’uso – ha spiegato Morassut – ma si è riusciti sempre ad evitare un destino negativo, molto spesso legato al mondo dell’ edilizia. Siamo qui per evitare che questo immenso patrimonio possa essere svenduto o trasformato in un centro commerciale o albergo». E se dal ministero per i Beni Culturali è arrivato un disimpegno a mediare, si infittisce il numero di artisti e intellettuali che firmano perché si salvi Cinecittà. Anche un nutrito gruppo di autori francesi, tra cui Claude Lelouch e Coline Serreau, Bertrand Tavernier e Costantinos Costa Gravas, si è aggiunto nel firmare l’appello – promosso dall’Anac – che gli autori italiani hanno inviato al presidente della Repubblica e al presidente del Consiglio. Rispondendo all’allarme lanciato da Ettore Scola, hanno firmato anche Radu Mihaileanu, Jean-Jacques Beineix, Jeanne Labrune, Olivier Nakache, Artus de Penguern, Jean-Paul Salomè e i cineasti Abderrahmane Sissako e Raoul Peck. «Neanche sotto Berlusconi – dicono – si era osato tanto».

Lascia un commento alla notizia


the fappening is a new blog-style release of the latest Fappening content. LEaked Celebrity photos kate upton nude kate upton nudeviagra vs cialis