ultime notizie:

L’urlo di Edvard Munch, asta da 120 milioni

L'urlo all'asta

L'urlo all'asta

Con l’angoscia di quelle mani strette sul volto, l’orrore di quella bocca spalancata sullo sfondo di un cielo rosso sangue, l’Urlo del norvegese Edvard Munch è certamente una delle icone dell’arte che meglio rappresentano il mondo ai giorni della crisi. L’angoscia che pervadeva l’Europa agli albori del Novecento, e forse anche le contraddizioni della nostra epoca che hanno fatto di questo pastello su carta, il dipinto più costoso mai venduto fino ad ora ad un’asta pubblica. Presentato da Sotheby’s con una stima di base comunque altissima di 40 milioni di dollari, il dipinto – l’unico delle quattro versioni esistenti ancora in mani private – è stato aggiudicato a 107 milioni di dollari, 120 contando le spese (oltre 91 milioni di euro). Un fiume di denaro che infrange ogni record per vendite in asta, stracciando il risultato già incredibile raggiunto un anno fa – sempre a New York ma da Christies – da una tela di Picasso «Nudo, foglie verdi e busto», battuta a 106,5 milioni di dollari. La terza posizione di questa super top delle vendite record in aste pubbliche è di una scultura in bronzo di Giacometti, «L’uomo che cammina» (104,3 milioni di dollari da Sotheby’s Londra nel febbraio 2010), il quarto di un altro Picasso «Ragazzo con la pipa» (104,1 milioni di dollari nel 2004). Chi ha assistito alla vendita milionaria dell’Urlo nella serata di mercoledì (in Italia erano le due di notte) racconta di una battaglia appassionante in una sala d’aste gremita fino all’impossibile e con gli occhi di tutto il mondo addosso, tanto che al momento clou pare sia saltato il collegamento in streaming su internet. Una sfida cominciata con otto partecipanti e finita nel giro di 12 minuti, non uno di più, dopo un duello all’ultimo sangue tra due anonimi paperoni. Presumibilmente felice l’anziano proprietario, il signore norvegese che con il provento della vendita ha annunciato di voler finanziare un nuovo museo Munch. Ancora più soddisfatta la casa d’aste, che con la vendita dell’Urlo porta a casa una percentuale milionaria. Non solo: perché in barba alla crisi, con i 76 lotti presentati Sotheby’s ha incassato 331 milioni di dollari. Un record anche questo, visto che la casa d’aste americana non aveva mai incassato tanto per una vendita di «Impressionismo e arte Moderna» (il precedente record, 286,2 milioni di dollari era del 1990). Insomma per i capolavori non c’è prezzo, crisi o non crisi. © Silvia Lambertucci

Lascia un commento alla notizia


lurlo

the fappening is a new blog-style release of the latest Fappening content. LEaked Celebrity photos kate upton nude kate upton nudeviagra vs cialis