ultime notizie:

Leone d’oro alla carriera a Sylvie Guillem

Sylvie Guillem

Sylvie Guillem

È una delle ultime divine della danza, la ballerina francese Sylvie Guillem. Bella, sinuosa, star del classico ma non solo, a 48 anni ha collezionato onori e medaglie. E ieri ha ritirato a Venezia il Leone d’oro attribuito dalla Biennale Danza che in precedenza aveva premiato miti come Merce Cunningham (1995), Carolyn Carlson (2006), Pina Bausch (2007), Jiri Kylian (2008) e William Forsythe (2010). «Dedico il Leone d’oro a due persone: a Rudolf Nureyev, perché senza di lui non sarei qui, e a Paul Watson di Sea Sheperd perché la battaglia ecologica riguarda tutti noi», ha detto la Guillem, ricevendo la statuetta. La cerimonia si è svolta alla presenza del presidente della Biennale, Paolo Baratta, e del direttore del Settore Danza, Ismael Ivo. La sezione Musica, invece, ha scelto Pierre Boulez mentre il premio per il Teatro va Luca Ronconi. Nella motivazione per il Leone si legge, tra l’altro, che Guillem è «protagonista superlativa di tanti classici del balletto – dai capolavori ottocenteschi ai titoli più recenti – ma anche duttilissima interprete per i grandi della coreografia contemporanea che hanno composto pezzi espressamente per lei e su di lei». A Venezia, e alla Biennale, Sylvie Guillem arriva dopo una tournée che l’ha portata dall’Europa all’America con il suo ultimo spettacolo, «6000 Miles Away». Si tratta di un trittico che prevede anche il pas de deux «Rearray» di Forsythe su musiche di David Murrow e l’assolo «Bye» di Mats Ek sulle note dell’ultima Sonata di Beethoven, entrambi per lei composti e da lei interpretati.

Lascia un commento alla notizia


the fappening is a new blog-style release of the latest Fappening content. LEaked Celebrity photos kate upton nude kate upton nudeviagra vs cialis