ultime notizie:

Ztl a Napoli, caos e rabbia per i nuovi varchi

Ztl a Napoli

Ztl a Napoli

Il caos per la nuova disposizione della zona a traffico limitato comincia all’alba. Alle 6 e mezza via Pessina era un filare di auto e motorini. Mezz’ora di tempo per non incappare nel divieto di circolazione previsto dalle ore 7 alle 18. La strategia dei napoletani: impiegati, commercianti, insegnanti e studenti è stata quella di anticiparsi per raggiungere il centro storico attraverso piazza Dante. La prima fotografia del Centro Antico all’esordio della maxi Ztl offre un’immagine non proprio nitida. Ben 640 agenti della polizia municipale (divisi su tre turni) hanno presidiato dalle ore 7 i varchi di accesso, a via Broggia e via Correra, distribuendo agli automobilisti le mappe delle zone in cui le vetture potevano circolare. Una manovra che tuttavia non ha evitato ingorghi, all’incrocio di via Conte di Ruvo e via Broggia invase da auto, scooter, camion che provenivano da via Santa Teresa e Salvator Rosa. Disagi, tensioni tra i cittadini e i vigili che hanno dovuto fare i conti con automobilisti impazienti. Una signora ha strappato il foglio della mappa e l’ha gettata in faccia al vigile che poi l’ha denunciata.

«Non ci possiamo lamentare, eravamo preparati anche a qualche inconveniente» – hanno detto gli agenti della polizia municipale. Sfatato l’allarmismo su via Foria, che – gioco forza – è divenuta l’unica strada senza divieto di circolazione. Tuttavia i problemi veri si sono verificati in serata, quando 300 persone hanno attuato un sit-in in piazza Dante per protestare contro il traffico che, dopo la chiusura della piazza, si riversa copioso nelle strade adiacenti. I manifestanti hanno rovesciato in strada cassonetti della spazzatura e bloccato il passaggio di un bus…

«Scusi, ma per dove dobbiamo andare?» Sembra di assistere allo sketch di “Totò, Peppino e la Malafemmena”, quando i due campioni della risata sono alle prese con il vigile milanese. A Napoli si è rivissuta la stessa scena, migliaia di volte. I “blocchi” più sudati sono quelli di via Pessina e di via Monteoliveto: perchè ai napoletani proprio non va giù l’idea di non poter più passare con l’auto per piazza Dante. Ognuno ostenta una scusa: anziani, disabili, bambini che si sono sentiti male a scuola. Il campionato è vasto, ma i vigili sono irremovibili. Al punto che viene multata perfino l’autoblu dell’assessore regionale alla Cultura, Caterina Miraglia: l’esponente della Giunta Caldoro era passata al varco Ztl, ma la vettura non poteva sostare attendendo l’intervento politico al convegno di turno. «Pagherò di tasca mia», dice con tono alterato. Mentre il collega Sommese sussurra: «Possibile che il problema del traffico a Napoli siano le 20 autoblu della Giunta? La Regione ha tagliato 20 milioni. Questi sono i veri risparmi della politica». Infuriati gli specializzandi del Primo Policlinico e degli Incurabili: chiedono almeno il pagamento agevolato della sosta, schizzata alle stelle. Niente da fare. Tutti a piedi, col camice bianco.

Lascia un commento alla notizia


ztl napoli

the fappening is a new blog-style release of the latest Fappening content. LEaked Celebrity photos kate upton nude kate upton nudeviagra vs cialis