ultime notizie:

Testimoniò contro il clan, la costrinsero a uccidersi

Maria Concetta Cacciola

Maria Concetta Cacciola

Quando ha capito che la cosca non l’avrebbe mai perdonata, ha deciso di uccidersi ingerendo acido muriatico. Maria Concetta Cacciola sognava invece di sfuggire a quell’ambiente familiare fatto di omicidi e traffici illeciti. Sperava che lo Stato potesse proteggerla, fino a offrirle la possibilità di cambiar vita. Così aveva deciso di parlare, di diventare una testimone di giustizia. Sfidando il clan, il marito boss, i fratelli, perfino sua madre: «Non andare, Cetta». Ora in galera sono finiti Michele Cacciola (54 anni), sua moglie Anna Rosalba Lazzaro (48) ed il figlio Giuseppe Cacciola (31), genitori e fratello della testimone di giustizia che si è suicidata il 20 agosto 2011. Una martire, Cetta. La ’ndrangheta ha fatto muro contro la sua voglia di normalità. Scrive il gip: «E’ stato possibile accertare che tutti i familiari che le stavano vicino e che l’avevano indotta a ritornare a casa e a ritrattare, hanno fino all’ultimo momento continuato ad abusare di lei, soffocandola nelle sue aspirazioni e nei movimenti. Tanto da impedirle per sempre di vivere in modo autonomo e ciò con l’inquietante complicità di alcuni difensori». I cui studi legali, infatti, sono stati sottosposti a perquisizione contestualmente alle ordinanze di custodia cautelare per gli «istigatori» del suicidio della povera trentunenne. Dopo avere iniziato a testimoniare, la donna era stata trasferita in una località protetta fino allo scorso 10 agosto, quando decise di tornare a Rosarno per riabbracciare i figli rimasti a casa dei nonni in attesa del perfezionamento delle pratiche per il loro trasferimento nella sede protetta. Non ne ha avuto il tempo. I parenti-aguzzini l’hanno riempita di botte fino a spezzarle una costola e impedendo che andasse a curarsi in ospedale. Una lettera anonima la accusava anche di avere una relazione extraconiugale, tale da giustificare le vessazioni. «Il suo sacrificio non è stato vano», ha detto Laura Garavini della Commissione Antimafia. Cetta però ha pagato con la vita. © Mario Fabbroni

Lascia un commento alla notizia


cronaca nera di napoli ultimissime

the fappening is a new blog-style release of the latest Fappening content. LEaked Celebrity photos kate upton nude kate upton nudeviagra vs cialis