Sparatoria a Spinaceto, ucciso ex della Magliana

Sparatoria a Largo Guido Buzzelli

Sparatoria a Largo Guido Buzzelli

A metà strada tra Roma e il mare, come indica anche la toponomastica, Mezzocammino sembra un quartiere ideale dove vivere. Eppure, l’immagine color pastello del quartiere fa a pugni con il clima di paura in cui vivono i residenti. «C’è una forte esigenza di sicurezza – ammette il presidente del comitato di quartiere, Massimiliano Miotti – L’allarme è crescente per via dei continui furti che sono compiuti nelle abitazioni e nelle cantine». «I furti nelle case avvengono anche di giorno e con la gente a casa» aggiunge una donna. Le grate di protezione sono montate sulle finestre degli appartamenti sino al terzo-quarto piano. Ieri a Largo Buazzelli, nel quartiere residenziale tra Mezzocamino, Spinaceto e Torrino, alla periferia sud della capitale una rapina ai danni di due gioiellieri con sparatoria dove muore, Angelo Angelotti, un ex affiliato della Banda della Magliana e rimangono feriti i complici Giulio Valente e Stefano Pompili. «Tutta la mia solidarietà e vicinanza ai gioiellieri che hanno sventato una rapina ai loro danni con un grande atto di coraggio». Lo ha affermato il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, dopo aver appreso quanto era accaduto alle prime luci del giorno a Largo Guazzelli, una zona a metà tra i quartieri di Torrino e di Mezzocamino. L’ennesimo episodio di una serie violenta che ha suscitato allarme per la sicurezza in città. «Dobbiamo sostenere in tutti i modi – aggiunge – coloro che sono vittime di attività delinquenziali e troppo spesso si trovano costretti a difendersi da soli. Non appena la magistratura avrà completato la ricostruzione della vicenda, mi auguro di poter incontrare quanto prima in Campidoglio i gioiellieri che hanno reagito alla rapina – conclude il sindaco – per complimentarmi del loro coraggio e per esprimergli tutta la solidarietà della nostra città».

Lascia un commento alla notizia


ultime notizie rapina a roma, centocelle notizie ultim\ora, ultim\ora roma rapina