ultime notizie:

Nella notte 60 scosse terremoto Emilia-Romagna

Terremoto in Emilia-Romagna

Terremoto in Emilia-Romagna

Torna l’incubo del terremoto in Emilia Romagna. A una prima scossa di magnitudo 5,8 alle 9 del mattino del 29/05/12, in provincia di Modena, ne sono seguite altre due alle 13, quasi altrettanto potenti. È stato trovato morto a Medolla l’ultimo disperso del sisma, si tratta di Biagio Santucci, l’ultimo disperso nel crollo dell’azienda Haemotronic. Sale così a 17 il numero complessivo delle vittime, oltre 350 feriti e 8.000 sfollati. La causa del moto tellurico potrebbe essere la rottura di una nuova faglia e per i sismologi c’è il pericolo di altre scosse. Il sisma è stato avvertito anche a Milano, Firenze, Genova. Nella notte c’è il terrore nelle zone già colpite in questi giorni dal sisma. Dalla mezzanotte scorsa l’Ingv ha registrato altre 60 scosse di terremoto con epicentro situato nella zona interessata dal sisma. La magnitudo delle scosse telluriche ha fatto registrare oscillazioni da un minimo di 2.0 a un massimo di 3.4 (alle ore 3.54 di questa mattina, con epicentro nel modenese).

Per quanto ancora la terra italiana continuerà a tremare? @ Salvatore Barba – Ingv
«Esistono sequenze che durano mesi. Il Nord d’Italia ha iniziato a tremare già a fine gennaio. Purtroppo conosceremo la reale durata dell’evento solo quando il sisma sarà passato del tutto».

Sarebbe stato quindi possibile prevedere questa nuova scossa?
«Sapevamo che il terremoto sarebbe potuto tornare, si tratta di un fenomeno frequente soprattutto di fronte ad un sisma così forte».

Come mai la pianura padana è al centro del disastro?
«E’ dal ’99 che c’è l’allerta in quelle zone, in passato si è parlato anche di evacuazione. Le scosse di oggi vanno avanti da 2 anni: è chiaro che siamo di fronte ad una sequenza molto grande».

Negli ultimi anni sono aumentate le scosse in Italia?
«No, il sisma fa parte della storia della nostra Penisola. Dal 1700 ad oggi abbiamo avuto una media di un terremoto ogni 7 anni. Alcuni sono stati molto violenti con migliaia di morti come quello di Messina del 1908. Oggi però, assistiamo a peggiori devastazioni».

Sta aumentando quindi l’intensità dei terremoti?
«No, anche quella resta costante. Piuttosto la causa delle devastazioni va ricercata nelle scelte urbanistiche: ci sono zone più popolate rispetto al passato, quindi con maggior rischio di crolli, e aree in cui non vengono rispettate le norme antisismiche».

Lascia un commento alla notizia


biagio santucci

the fappening is a new blog-style release of the latest Fappening content. LEaked Celebrity photos kate upton nude kate upton nudeviagra vs cialis