ultime notizie:

Manifestazione delle donne, se non ora quando?

La manifestazione delle donne

La manifestazione delle donne

Lavoro, welfare, rappresentanza e comunicazione. Questi erano i temi in ballo dieci mesi fa, il 13 febbraio quando è nato il movimento ”Se non ora quando?”, questi ancora i temi sbandierati ieri a piazza del Popolo per rivendicare la dignità sociale delle donne come condizione necessaria per superare la crisi. Virato leggermente lo slogan che ora recita ”Se non le donne chi?”, il movimento ha lanciato dal palco un appello al governo: rivedere la manovra finanziaria alla luce del fatto che «il pil aumenta quando le donne lavorano». Sotto accusa l’equiparazione dell’età pensionabile delle donne a quella degli uomini, senza un’adeguata contropartita. «Fanno leva su un’idea di parità del tutto sbagliata, ci chiedono gli stessi sacrifici ma non ci offrono le condizioni per lavorare – spiega Claudia Biella del Comitato romano – Tre milioni e mezzo di donne non lavorano per assenza di servizi, 800 mila devono lasciare il lavoro per gravidanze e licenziamenti, le donne percepiscono il 30% dello stipendio in meno rispetto agli uomini». Una penalizzazione sociale e economica, aggiunge Claudia Biella «per il blocco parziale della rivalutazione delle pensioni medio basse con particolare riguardo alle donne anziane sole». Numerose le proposte del movimento che ha già messo in piedi gruppi di lavoro a livello locale per una definizione più dettagliata dei punti della manovra da rivedere. Tra le questioni di principale interesse, anticipa il comitato: «Premialità nel lavoro che incentivi l’occupazione combattendo il precariato», «welfare non più come un peso ma come investimento», «rappresentazione più dignitosa della donna nei media». «Noi diciamo anche a questo governo, arrivato solo un attimo prima della caduta nel baratro, che non si può chiedere sempre alle donne e ora non bastano parole nuove, ci vogliono fatti – aggiunge Luisa Rizzitelli del comitato – Le donne hanno sostenuto sulle spalle il Paese che grazie a loro non è caduto in pezzi – Hanno mascherato con il loro lavoro, ai limiti della sopravvivenza, la mancanza di servizi per le persone e per la famiglia. Le donne italiane lavorano 60 ore settimanali, più di tutte in Europa. Le giovani sono più laureate e al tempo stesso più disoccupate e precarie dei giovani uomini. Ma restano sistematicamente escluse dai luoghi decisionali». ”People have the power” cantava Patti Smith; le donne ieri lo hanno riadattato al femminile, con la voce di Paola Turci e Marina Rei alla batteria. «Se non ora quando? – si leggeva sul cartello di un’anziana donna a piazza del Popolo – Ieri».

Lascia un commento alla notizia

jaime murray nude nikki minaj tits chloe bennet nude katherine mcphee cleavage elizabeth hurley leaked carmen electra leaked daphne joy topless alicia vikander nude selena gomez porn joey fisher topless fappening 2017 jessica chastain nude amanda bynes nude the fappenning 2015 alicia machado nudes nude yoga kat dennings nude casey labow nude jennifer aniston selena gomez leaked aubrey plaza leaked pics

the fappening is a new blog-style release of the latest Fappening content. LEaked Celebrity photos kate upton nude kate upton nudeviagra vs cialis