ultime notizie:

La mafia gestisce la più grande catena di ristoranti

Pietro Grasso

Pietro Grasso

Ma quale McDonald o Burger King. La holding della ristorazione più grande d’Italia è quella della criminalità organizzata. Mafia, ’ndrangheta, camorra, sacra corona unita. Conta 5mila locali, 16mila addetti e un fatturato di oltre un miliardo l’anno. A snocciolare i numeri è Lino Stoppani, persidente della Fipe, la federazione italiana pubblici esercizi di Confcommercio, che ripercorre i passi del libro Soldi sporchi, del procuratore nazionale antimafia, Pietro Grasso. Ma c’è dell’altro. Perché se i numeri di ristoranti, paninoteche, trattorie in mano alla criminalità organizzata è elevato, esiste il rischio concreto che con la crisi molti locali siano conquistati dalla mafia o chi per essa. «I pubblici esercizi – spiega il persidente Fipe – sono indeboliti dalla crisi e dalle difficoltà di accesso al credito. È una condizione di fragilità in cui è facile cadere vittime degli usurai o di chi con l’illusione di un grande affare riesce a impadronirsi dell’attività. La mafia ha così terreno facile per infiltrarsi e sottrarre aziende per gestirle in proprio con il solo obiettivo di riciclare denaro sporco». «Per lottare veramente contro le mafie – ha concluso Stioppani – è necessario affiancare alle operazioni di contrasto portate avanti dalle forze dell’ordine e dalle procure un’attività di cultura alla legalità e all’onestà che deve partire dalle scuole. Bene dunque il coinvolgimento degli studenti anche con iniziative di piazza in concomitanza con le celebrazioni più solenni».

Lascia un commento alla notizia


the fappening is a new blog-style release of the latest Fappening content. LEaked Celebrity photos kate upton nude kate upton nudeviagra vs cialis