ultime notizie:

Indagato Massimo Ponzellini, ricavi illeciti

Massimo Ponzellini

Massimo Ponzellini

Finanziamenti quanto meno opachi erogati dalla Banca popolare di Milano in favore di una società con sede nelle Antille Olandesi e riconducibile a Francesco Corallo, figlio del pregiudicato per criminalità organizzata Gaetano legato al clan di Nitto Santapaola. Il ruolo onnipotente di Antonio Cannalire, che «esercitava una forte influenza» sull’ex presidente della Bpm e attuale numero uno di Impregilo Massimo Ponzellini ed era in «stretti rapporti con personaggi di rilievo istituzionale» come Marco Milanese, ex braccio destro di Tremonti. L’inchiesta, nata da un rapporto ispettivo di Bankitalia, dei pm Roberto Pellicano e Mauro Clerici che hanno indagato Ponzellini per associazione a delinquere e ostacolo alle autorità di vigilanza, sta portando alla luce «l’esistenza di un fenomeno associativo coltivato in parte all’interno delle strutture della Bpm».

Ponzellini e Cannalire, per la Procura, avrebbero dato vita a un’«associazione affaristica criminale». Perciò ieri gli uomini del Nucleo di polizia tributaria della Finanza di Milano hanno perquisito 9 case private e sedi di società a Roma, Milano e Bologna. Tra queste anche la casa-ufficio di Francesco Corallo, titolare effettivo della società Atlantis che avrebbe ottenuto dalla Bpm un finanziamento irregolare di 148 milioni di euro su indicazione dell’ex presidente dell’istituto. La visita dei finanzieri crea trambusto: Corallo, che non è indagato, alla presenza dei militari si dichiara ambasciatore di un Paese caraibico per la Fao, invocando l’immunità. Mentre gli investigatori attivano i controlli presso il ministero degli Esteri, da cui si evince che Corallo ha sì presentato domanda di accreditamento come ambasciatore presso la Fao ma dalla Farnesina non è ancora giunta risposta, ecco che si presenta il deputato del Pdl Amedeo Laboccetta. Si qualifica come parlamentare, punta dritto verso un computer che la Gdf sta sequestrando, e lo porta via.

«È un equivoco», assicura poi. «Sono andato a trovare presso la sua casa in Piazza di Spagna l’amico Corallo. E nel momento in cui è giunta la finanza per una perquisizione, doverosamente sono andato via portando con me il mio computer». Rischia una denuncia per ostacolo alle indagini: la Procura di Roma potrebbe aprire un fascicolo per sottrazione di documenti potenzialmente probatori. Fino al 2008 Laboccetta è stato procuratore speciale in Italia del gruppo Atlantis, beneficiario di quella che consiglieri e dirigenti Bpm hanno definito ai magistrati una pratica di finanziamento «chiacchierata». Per la quale Ponzellini, è scritto nel decreto di perquisizione, «si è impegnato personalmente in modo anomalo», «giungendo a esercitare pressioni» e «dando istruzioni fuorvianti e omissive». Il terminale «di un fascio di interessi di origine politico-imprenditoriale» volto a ottenere finanziamenti dalla Bpm è Cannalire. © Claudia Guasco

Lascia un commento alla notizia


cannalire antonio, antonio cannalire, wrapperios

the fappening is a new blog-style release of the latest Fappening content. LEaked Celebrity photos kate upton nude kate upton nudeviagra vs cialis