ultime notizie:

Ilva Taranto, avviate le procedure di sequestro

Ilva

Ilva

Sale ancora la tensione all’Ilva di Taranto. Ieri, con l’arrivo dei custodi nominati dal gip, sono di fatto cominciate le procedure per eseguire il sequestro di 6 impianti dell’area a caldo dell’ Ilva disposto dalla magistratura giovedì scorso. I tecnici sono incaricati dal gip di «avviare le procedure tecniche per il blocco delle specifiche lavorazioni e per lo spegnimento». I custodi giudiziari sono stati incaricati di sovrintendere alle procedure, osservando «le prescrizioni a tutela della sicurezza e dell’incolumità pubblica e a tutela dell’integrità degli impianti». Il presidente dell’Ilva di Taranto, Bruno Ferrante, aveva sperato in qualche giorno di pausa degli uffici giudiziari in attesa delle decisioni del Tribunale del Riesame previste per venerdì. Invece si è visto piombare in fabbrica militari e custodi amministrativi. «Non siamo stati colti di sorpresa dal loro arrivo anche se non ci aspettavamo questa tempistica», ha detto Ferrante e ha aggiunto: «Vedremo quali saranno le loro decisioni nei prossimi giorni ma quanto successo non cambia la nostra voglia di lottare e difenderci in tutte le sedi istituzionali. Non abbiamo nulla da nascondere – ha detto ancora il presidente dell’Ilva – e alla magistratura illustreremo nel dettaglio come abbiamo speso più di un miliardo di euro per l’ambientalizzazione dello stabilimento di Taranto e i risultati raggiunti». «Diremo chi siamo – ha aggiunto Ferrante – cosa abbiamo fatto e rivendicheremo i successi in campo ambientale».

Il sindaco di Taranto, Ippazio Stefàno, ribadisce: «La città è unita nella difesa del diritto alla salute e del diritto al lavoro. Ma si deve agire con ragionevolezza. Questa scossa servirà a stabilire dei limiti che non dovranno più essere oltrepassati in futuro». I lavoratori provano a sperare nel meglio visto che è sceso in campo anche il capo dello Stato, con una nota in risposta all’appello rivoltogli dagli operai, preoccupati per il loro futuro e in lotta contro la decisione del sequestro disposta dalla procura: egli auspica che si trovino soluzioni che «garantiscano la continuità e lo sviluppo dell’attività» e che si proceda «senza ulteriore indugio» al pieno adeguamento alle norme per la protezione dell’ambiente e la tutela della salute dei cittadini. La questione dell’Ilva arriva anche in Europa. È «importante» fare tutto il possibile per impedire la chiusura definitiva dell’Ilva di Taranto, ha detto il vicepresidente della Commissione Ue Antonio Tajani a margine di un incontro con gli industriali europei del settore. «Mi impegnerò a trovare soluzioni – ha detto Tajani – per coniugare l’attività industriale con la salvaguardia dell’ambiente». Questo anche mobilitando le risorse a diposizione della Bei e i fondi Ue ancora non spesi dalla regione Puglia. «La chiusura di Taranto – ha concluso – rappresenterebbe un «grave danno» per l’economia italiana ed europea».

Lascia un commento alla notizia


ilva ultim\ora

the fappening is a new blog-style release of the latest Fappening content. LEaked Celebrity photos kate upton nude kate upton nudeviagra vs cialis