ultime notizie:

Gli anarchici minacciano Violante e D’Alema

Luciano Violante

Luciano Violante

Gli anarchici insurrezionalisti minacciano azioni estreme. Con una lettera all’agenzia di stampa AdnKronos il Fai avverte che passerà dai pacchi bomba – come quelli recentemente inviati alla Deutsche Bank di Francoforte e ad Equitalia di Roma dove è rimasto ferito il direttore Marco Cuccagna – ai proiettili. «Colpiremo soggetti come Luciano Violante e Massimo D’Alema – prosegue la lettera minatoria – che con le loro Fondazioni finanziate dai poteri forti occulti creano alleanze politico industriali bipartisan per mantenere potere e gestire sottobanco la politica ai danni del popolo italiano». La lettera è firmata dalla cellula Eat e Billy, dal nome dei due anarchici detenuti in Indonesia con l’accusa di aver dato alle fiamme un bancomat. Sulla attendibilità dell’ennesima minaccia sono al lavoro gli esperti dell’antiterrorismo ma è evidente che il recente intensificarsi delle azioni del Fai ha alzato il livello di attenzione degli apparati di sicurezza interna essendo piuttosto verosimile ormai anche il rischio di alleanze operative tra gruppi della galassia eversiva. Immediate e bipartisan le reazioni di sdegno per le minacce e di solidarietà nei confronti di Luciano Violante e Massimo D’Alema, i due obiettivi citati dal Fai nell’ultima lettera minatoria che segue solo di pochi giorni altre inquietanti missive inviate anche ad alcune redazioni di giornali, che hanno sempre condannato nettamente qualsiasi tipo di violenza, e i pacchi esplosivi spediti a Equitalia. Sebbene abbia la stessa sigla – Fai – l’organizzazione in questione è ben altra cosa rispetto alla Federazione anarchica italiana, da sempre non violenta.

Il gruppo insurrezionalista viene considerato dagli esperti dell’antiterrorismo una struttura orizzontale che riunisce varie sigle, circa dodici, ciascuna con una propria autonomia. Uno dei fondatori della federazione anarchica informale è ritenuto il catanese Alfredo Maria Bonanno teorico de La Gioia armata, libro pubblicato nel 1977 (e successivamente condannato alla distruzione) che gli costò un anno e mezzo di prigione, nel quale non faceva mistero delle sue intenzioni eversive peraltro già ampiamente illustrate nella rivista Anarchismo da lui scritta e diretta negli anni ’70 e i primo anni ’80 in cui faceva un suo personale mixer delle teorie di Stirner, Bakunin, Hegel, del pensiero individualista, dell’insurrezionalismo e del nichilismo.

Negli anni ’80, alcuni componenti dei primi nuclei operativi del Fai furono ritenuti gli autori di un sequestro di persona a scopo di estorsione e infine arrestati. Dopo un periodo di relativo silenzio negli ultimi anni il Fai, probabilmente organizzatosi in rete internazionale – con anarchici greci, tedeschi e sudamericani – tenta di tornare alla ribalta con episodi più o meno clamorosi ma mai – fino ad ora – estremi. A parte il ferimento piuttosto grave del direttore di Equitalia, Marco Cuccagna il quale, aprendo un pacco esplosivo che il Fai gli aveva inviato – ha riportato serie conseguenze ad una mano e al volto.
Gli insurrezionalisti adesso minacciano di alzare il tiro, di usare le armi, di far fare un salto di qualità al loro delirio eversivo.

Lascia un commento alla notizia


violante

the fappening is a new blog-style release of the latest Fappening content. LEaked Celebrity photos kate upton nude kate upton nudeviagra vs cialis