ultime notizie:

Corsa contro il tempo per sventare le sanzioni Ue

Rifiuti a Napoli

Rifiuti a Napoli

I tempi stringono. Poche settimane e l’arbitro europeo fischierà la fine del primo tempo. Quello che la Commissione europea ha concesso alle istituzioni (nazionale e locali) per presentare le risposte alle contestazioni che l’Ue ha formalizzato contestualmente all’apertura della procedura di infrazione sul piano di gestione dell’emergenza rifiuti. Regione, Provincia e Comune di Napoli dovranno offrire certezze ai vertici comunitari sui tempi degli interventi programmati per imprimere la svolta risolutiva all’annosa emergenza rifiuti. Bruxelles ha messo nero su bianco osservazioni problematiche sulle «criticità» che continuano a contrappuntare non solo la situazione sul campo ma soprattutto la «vaghezza» dei tempi che le istituzioni locali hanno fissato per affrontare la situazione. L’Europa chiede che si rispettino gli standard comunitari in materia di raccolta differenziata (i dati segnalano una netta distanza della Campania da quei parametri), sistema degli impianti (quelli del trattamento finale dei rifiuti come ultimo segmento del ciclo industriale: in primis, i termovalorizzatori) e ancora sulla strutture intermedie (le discariche) della gestione del ciclo. Su quest’ultimo punto la situazione appare ancora complicata. Il commissario Vardè ha presentato l’elenco dei siti che, per caratteristiche orografiche e strutturali, potrebbero accogliere gli sversatoi. Ma ancora non è stata formalizzata la scelta che spetta alla Provincia. Molte, tuttavia, le indicazioni emerse. Per quanto riguarda il termovalorizzatore ancora nessuna decisione. Il mega-impianto non dovrebbe sorgere a Napoli (sarebbe il secondo, previsto dal piano, accanto a quello funzionante di Acerra) ma in un’altra provincia della Campania. Discussioni, confronti tecnici, polemica politica. Risultato lontano. Il tempo stringe. Poche settimane per sciogliere i nodi e presentarsi con la credibilità necessaria alla Commissione europea. Che, annunciando l’apertura della procedura di infrazione, non aveva nascosto perplessità sulla capacità dell’Italia di recuperare il tempo perduto. L’auspicio è che i fatti smentiscano quelle perprlessità. Al «sì» di Bruxelles è legato lo sblocco di 145 milioni di euro. Utili alla Campania per mettersi alle spalle l’emergenza.

Lascia un commento alla notizia


cronaca acerra ultima ora, ultime notizie acerra, ultima ora acerra, ultimissime acerra, cronaca acerra news ultime notizie, ultime notizie comune di napoli, comune di napoli ultime notizie

the fappening is a new blog-style release of the latest Fappening content. LEaked Celebrity photos kate upton nude kate upton nudeviagra vs cialis