ultime notizie:

Attentato scuola Brindisi, scontro tra le procure

Marco Dinapoli

Marco Dinapoli

«Debbo dire che c’è stata una grande sintonia tra le forze dell’ordine, sono andate a braccetto», dice Giuseppe Vignola, procuratore generale della Repubblica di Lecce introducendo la conferenza stampa per l’annuncio del fermo di Vantaggiato. Intorno a lui tutti gli investigatori. E fin qui, a vedere insieme polizia e carabinieri firmare un successo investigativo, c’è tutto il riconoscimento dovuto. Ma è quando il pg di Lecce decide, con le sue parole di trasformare il «braccetto in braccio di ferro» che a tutti, anche a quelli che lo avevano accantonato, ritorna alla memoria lo scontro tra le procure di Lecce e di Brindisi nelle ore immediatamente successive all’attentato. Perché non ci sono neppure fisicamente né il procuratore di Brindisi Marco Dinapoli né tantomeno il sostituto procuratore Milto Stefano De Nozza che pure era stato «applicato» alla Dda di Lecce per l’indagine sull’attentato. Tutti presenti, tranne i padroni di casa. Proprio quelli che a poche ore dall’attentato avevano detto: «E’ un pazzo isolato, si costituisca presto». Doveva indagare Brindisi per strage, oppure Lecce, direzione distrettuale antimafia, perché c’è l’aggravante del terrorismo come terrore, paura? Risolse tutto Pietro Grasso, procuratore nazionale antimafia. «La competenza è di Lecce», disse. E finì lì. Ma nel giorno della conferenza stampa per comunicare lo sviluppo delle indagini e il fermo di Vantaggiato, Vignola riscopre quel che accadde e dice: «Siamo andati a braccetto anche tra magistrati. Voi cronisti avete voluto trasformarlo in un braccio di ferro…». Chi non lo ricordava lo scontro di Brindisi lo ha dovuto ripescare. Quando a 24 ore dalla tragedia, di domenica mattina, il procuratore di Brindisi Dinapoli annuncia la svolta con l’immagine di Vantaggiato, allora ancora solitario e sconosciuto del crimine, e il procuratore Motta negli stessi minuti sul piazzale della scuola diceva tutt’altro. Fatto è che ieri alla conferenza stampa lo strappo si è materializzato con le assenze. «Ma no, assolutamente no, non c’è ne strappo, né tensione» si affretta a dire un magistrato. Fatto è che anche ieri mattina Cataldo Motta ha voluto mettere i puntini sulle i della competenza dell’inchiesta, se vi fosse ancora qualcuno in giro che volesse appropriarsene. «E’ una strage con la modalità del terrorismo». Un modo elegante per dire che solo il reato di strage non è di competenza della procura di Brindisi e del procuratore Dinapoli, il primo a parlare del pazzo solitario. E il primo ad aprire il fascicolo per strage. © A.M.

Lascia un commento alla notizia


ultimora lecce, lecceprima ultima ora, lecce notizie ultima ora, lecce cronaca ultima ora, cronaca lecce ultima ora, news lecce ultima ora, ultim Ora lecce, lecce prima ultima ora, ultima ora lecce prima, pianeta calcio lecce ultima ora, LeccePrima Cronaca Ultimora, telenorba notizie cronaca lecce delle ultime ore, lecceprima le ultime notizie, ultime lecce notizie, lecce news ultima ora

the fappening is a new blog-style release of the latest Fappening content. LEaked Celebrity photos kate upton nude kate upton nudeviagra vs cialis