ultime notizie:

Arrestato Nicoli Cristiani, traffico rifiuti e corruzione

Franco Nicoli Cristiani

Franco Nicoli Cristiani

Senza Franco Nicoli Cristiani, a Brescia, nel 1994 non sarebbe nata Forza Italia. O per lo meno, non sarebbe nata così com’è nata. Tutto nel centrodestra di fede berlusconiana ha girato intorno a lui per molti anni, e tutto continua a girare ancora adesso malgrado la forte concorrenza di Viviana Beccalossi. «Tanto alla fine decide sempre il ghiro» è il ritornello del Pdl bresciano. In un indagine sull’uso di materiali di scarto per costruire autostrade, bonifiche di sostanze tossiche certificate sulla carta e mai realizzate, discariche trasformate in accumuli di amianto, falde inquinate, tranelli, raggiri, minacce compare il suo nome assieme a politici che intascato mazzette, funzionari che hanno taroccato documenti, imprenditori che hanno pagato in cambio di illegalità. Tutto è avvenuto fra Bergamo, Brescia, Cremona, nel Nord che lavora e fatica. I carabinieri sono andati a casa sua di buon mattino, hanno trovato una busta gialla. «Sono fregato» avrebbe detto lui. Dentro c’erano centomila euro in banconote rosa da 500: i «big buble» nello slang di alcuni arrestati. Centomila euro sono, secondo l’accusa, la stessa cifra che Pierluca Locatelli, imprenditore bergamasco, gli aveva fatto avere due mesi fa. Soldi utili per convincere Nicoli a dispiegare la sua potenza in Regione. Locatelli voleva trasformare una vecchia cava in provincia di Cremona in una discarica di amianto malgrado i timori di inquinamento delle falde sottostanti. Aveva bisogno di un aiuto: «Nicoli mi aveva promesso le autorizzazioni per settembre e a settembre sono arrivate». Naturalmente anche l’imprenditore è finito in carcere. E pure la moglie, Orietta Rocca. C’è poi un secondo filone d’indagine. Ha ancora per protagonista l’imprenditore Locatelli e alcuni suoi collaboratori tutti agli arresti domiciliari e sospettati di aver camuffato operazioni di bonifica di materiali inquinati. Sulla carta facevano risultare che i trattamenti disintossicanti venivano effettuati, nella realtà (documentata da foto e intercettazioni) non ripulivano un bel niente e portavano quei materiali pericolosi su due cantieri della Brebemi, la nuova autostrada che dovrà collegare Brescia a Milano. Quei due cantieri da ieri sono sotto sequestro.

Lascia un commento alla notizia


ultima ora cremona, cremona notizie ultima ora, cremona ultima ora

the fappening is a new blog-style release of the latest Fappening content. LEaked Celebrity photos kate upton nude kate upton nudeviagra vs cialis