ultime notizie:

Adriano Sofri torna in libertà, condannato a 22 anni

Adriano Sofri

Adriano Sofri

Dei quattro condannati per l’omicidio del commissario Calabresi, Adriano Sofri era rimasto l’unico «detenuto». Leonardo Marino libero da sempre in quanto collaboratore di giustizia; Ovidio Bompressi graziato dal presidente Napolitano nel 2006; Pietrostefani latitante. Rimaneva solo lui, il fondatore di Lotta Continua, guru di una stagione in cui politica e violenza si confusero e si fusero. Da sabato è libero per «sopraggiunta fine pena». I premi per buona condotta e tre anni di indulto gli hanno restituito la libertà in anticipo. In realtà da quasi sette anni – dopo un ricovero d’urgenza per un’operazione assai complicata – non aveva messo più piede al Don Bosco, il penitenziario di Pisa, e scontava il residuo della condanna in una casa sulle colline toscane con facoltà di uscire a piacimento dall’alba al tramonto. Nella sostanza dunque cambia poco. Potrebbe cambiare molto nella forma, invece, se il «suo fine pena» divenisse una specie di pietra tombale su un periodo di divisione e di scontro che ha lacerato e incattivito l’Italia. Durante gli anni del processo e anche dopo ha dovuto fare i conti con la fierezza di Gemma Capra, la vedova Calabresi. La loro è stata una sorta di sfida a distanza, anche dura, ma sempre senza eccessi. Ora lei, con una dichiarazione ufficiale, fa sapere che la liberazione di Sofri non le dà ragioni di turbamento. «I miei sentimenti non cambiano, da tempo nessuno era più in carcere per l’omicidio di mio marito» dice «Siamo riusciti a ottenere verità e giustizia grazie all’impegno di magistrati coraggiosi e scrupolosi e le sentenze sono state rispettate».

Lascia un commento alla notizia


OVIDIO BOMPRESSI, sofri graziato dal presidente

the fappening is a new blog-style release of the latest Fappening content. LEaked Celebrity photos kate upton nude kate upton nudeviagra vs cialis